Quantcast
Risultati

Coronavirus, lo studio Amt-Università: “Sui bus con mascherina rischio contagio vicino a zero” fotogallery

Le possibilità di infettarsi sono da 4 a 17 ogni 100mila e non dipendono dal tasso di riempimento. Beltrami: "Torniamo a usare il mezzo pubblico senza paura"

Genova. Se tutti i passeggeri indossano correttamente la mascherina chirurgica il rischio di essere contagiati dal coronavirus su un autobus in presenza di un passeggero infetto è molto basso e non dipende dal numero di passeggeri a bordo. È il risultato di una ricerca congiunta dell’Università di Genova e di Amt condotta da un gruppo di lavoro formato da ricercatori medici, chimici e ingegneri presentato questa mattina in via Balbi.

Dallo studio è emerso che il numero di contagi attribuibile all’uso del mezzo pubblico con una permanenza a bordo di mezz’ora in presenza di un passeggero infetto si può stimare da 4 a 17 contagi ogni 100mila utenti nel caso in cui tutti indossano le mascherine, meno di quanto si rischia normalmente al supermercato o in un luogo di culto. Se nessuno le indossasse la possibilità salirebbe quasi a 700 contagi ogni 100mila passeggeri.

Il modello di riferimento considerato è il Mercedes Citaro G, un bus snodato da 18 metri in servizio su linee di forza come l’1 e il 18. La sperimentazione è stata condotta prima con un modello virtuale, e poi dal vivo su una vettura in cui era stato posizionato un manichino che emetteva acqua nebulizzata con tracciante.

Coronavirus, lo studio Amt-Università per testare le possibilità di contagio sui bus

La simulazione è stata effettuata con un modello tridimensionale dell’autobus. Un sistema informatico ha calcolato l’evoluzione dell’emissione patogena di droplet – le particelle in sospensione responsabili del contagio – da parte di un soggetto infetto tenendo conto del flusso d’aria generato dall’aria condizionata e dall’apertura di alcuni finestrini alternati.

È stato trascurato l’effetto dell’apertura delle porte alle fermate e la capacità filtrante del sistema di ricircolo d’aria è stata ridotta al 50%. L’analisi virtuale hanno considerato tre diversi scenari: nessun occupante indossa la mascherina, solo i passeggeri indossano la mascherina ma non l’emettitore, tutti indossano la mascherina.

Tutti i casi analizzati conducono allo stesso risultato: vicino a una persona infetta la possibilità di contagio varia dal 12% (se nessuno indossa la mascherina) al 6% se solo l’emettitore non indossa la mascherina fino a una percentuale intorno allo 0,1% se tutti indossano la mascherina. Più ci si allontana dalla zona di emissione delle particelle contagiose più il rischio si abbassa, fino praticamente ad azzerarsi.

“Lo studio non è condizionato dal coefficiente di riempimento del mezzo – ha spiegato Carlo Cravero del dipartimento di ingegneria dei trasporti -. Ciò che condiziona è la distanza dall’emettitore e l’uso della mascherina. Il numero di persone sull’autobus è ininfluente“. Ma se ci fossero più persone positive a bordo e quindi, potenzialmente, più contagiati? “Già la possibilità che più di un positivo occupi l’autobus è già molto bassa. Ma se ci fossero altri positivi in altre postazioni non dovremmo avere una variazione significativa nei numeri che abbiamo ottenuto”.

“Spesso abbiamo sentito parlare di rischi sui mezzi pubblici ma senza dati scientifici – ha detto il presidente di Amt Marco Beltrami – Se continuiamo a usare correttamente la mascherina usare il trasporto pubblico è sicuro. Questo è il messaggio che ci sentiamo di dare: superare remore e paure e tornare a usare il mezzo pubblico. Al momento stiamo portando circa il 45% dei passeggeri che usavano i nostri mezzi nello stesso periodo del 2019 e la capienza del 50% viene superata davvero in pochissimi casi.

Del gruppo di studio hanno fatto parte Lorenzo Ball del dipartimento di scienze chirurgiche e diagnostiche integrate, Maurizio Ferretti e Valentina Caratto del dipartimento di chimica e chimica industriale, Carlo Cravero e Davide Marsano del dipartimento di ingegneria meccanica, energetica, gestionale e dei trasporti.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Al 100%
Dal 26 aprile tutti a scuola ma è rebus trasporto pubblico: “Con queste regole non basterà”
Generica
Richiesta
I sindacati Amt: “Da un anno in prima linea, vogliamo il vaccino prioritario per gli autisti”
scarico fogna
Studio
In Liguria si cerca il coronavirus nelle fogne: “Così anticiperemo i picchi di due settimane”
Coronavirus, lo studio Amt-Università per testare le possibilità di contagio sui bus
Richiesta
Covid, Assoutenti invia lo studio genovese a Roma: “Eliminare il limite del 50% su bus e treni”