Decisione

Coronavirus, dal 7 al 9 aprile a Genova sarà ancora dad al 100% alle superiori

E' quanto disposto da un'ordinanza della Regione Liguria. Nel ponente a casa anche gli studenti di seconda e terza media

Genova. Il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti firmerà oggi l’ordinanza che dispone la zona rossa nel ponente ligure, nelle province di Savona e di Imperia, da domani, venerdì 2 aprile, fino a domenica 11 aprile compresa. Ma che dà anche indicazioni per quanto riguarda il sistema scolastico.

La decisione è stata assunta oggi pomeriggio alla luce degli ultimi dati comunicati da Alisa sull’andamento della pandemia e d’intesa con i sindaci e Anci Liguria, al termine della riunione convocata in videoconferenza dal governatore.

Per quanto riguarda il sistema scolastico, l’ordinanza dispone inoltre su tutto il territorio ligure fino all’11 aprile (specificamente dalla conclusione delle vacanze pasquali il 7 aprile fino a venerdì 9 aprile) la didattica a distanza al 100% per le scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, oltre che per la formazione professionale (IeFP), gli istituti tecnici superiori (Its) e i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore (Ifts).

Esclusivamente nell’imperiese e nel savonese, sulla base delle disposizioni dell’ultimo decreto governativo, il passaggio in zona rossa fino all’11 aprile comporta la didattica a distanza al 100% anche per la seconda e la terza media (scuola secondaria di primo grado).

Più informazioni
leggi anche
  • Ordinanza
    Emergenza Covid, savonese e imperiese in zona rossa da mezzanotte fino all’11 aprile
  • Bollettino
    Coronavirus, 710 nuovi casi in Liguria in un solo giorno: mai una cifra così alta da inizio pandemia
  • Restrizioni
    Mezza Liguria in lockdown. Toti: “Zona rossa indispensabile: chiusure e vaccini per pensare a riaprire”
  • Protesta
    “Fuori dagli schermi! Stop Dad”, il coordinamento docenti genovesi torna in piazza
  • Ripresa
    Liguria, dopo le vacanze di Pasqua metà arancione e metà rossa: che cosa cambia da domani