Bollettino

Coronavirus, 174 nuovi casi su 2405 tamponi: sono 80 le terapie intensive occupate

Superata di 10 unità la soglia critica secondo i parametri del ministero della Salute. Oggi registrati 5 decessi

Genova. Sono 174 i nuovi casi di contagio da coronavirus registrati dall’odierno bollettino Alisa/Regione per il ministero della Salute. Il dato è riferito a 2405 tamponi molecolari effettuati. Quindi il tasso di positività sul totale è dell’7,2%. Il numero dei tamponi antigenici registrati oggi è pari a 755.

Dei nuovi casi positivi, 44 riguardano la provincia di Genova (41 in Asl 3 e 3 in Asl 4), 66 ad Imperia, 37 nel savonese e 27 nello spezzino. Non ci sono casi non riconducibili a residenti in Liguria.

Oggi 5 morti sono state registrate dal bollettino: si tratta di persone decedute tra il 4 e il 5 aprile. La più giovane era una paziente di 76 anni, ricoverata all’ospedale San Martino.

I guariti sono 253, sia quelli con tampone che lo certifica sia coloro che hanno avuto gli ultimi sintomi oltre 21 giorni fa. Al momento in Liguria ci sono dunque 8083 casi “attivi” di Covid, di cui 3667 in provincia di Genova.

Il totale degli ospedalizzati è di 771 pazienti, 10 più di ieri. Le terapie intensive occupate sono 80 (due più di ieri), la soglia critica secondo il ministero della Salute, ovvero il 30% del totale, è di 70 posti intensivi occupati.

I soggetti in isolamento domiciliare, ovvero in quarantena, asintomatici o con sintomi tali da non richiedere il ricovero, sono 7217, 248 in più rispetto al bollettino ieri. Le persone in sorveglianza attiva in Liguria sono 7290.

Sul fronte delle vaccinazioni, nelle ultime 24 ore sono state somministrate in Liguria 8371 dosi (1406 di Astrazeneca-Vaxzevria e 6965 di Pfizer e Moderna). Dal governo sono arrivate (a ieri) 437060 dosi, il 77% delle quali è stato somministrato. Oggi in Liguria 338.147 hanno ricevuto il vaccino, di questi 109.697 hanno avuto la doppia dose.

Più informazioni
leggi anche
  • Commento
    Scontri in piazza a Roma durante la protesta dei ristoratori, Toti: “Non è con le sommosse che si sconfigge il Covid”