Quantcast
Portati in carcere

Conti di Lavagna, la Cassazione conferma le condanne: 3 nuovi arresti

Ai Nucera e a Francesco Antonio Rodà, considerati i 'capi' dell'organizzazione, il provvedimento di esecuzione della pena è stato notificato in carcere

Genova. Alfred Remilli, Paolo Paltrinieri e Natale Calderone sono stati arrestati oggi dalla squadra mobile di Genova in esecuzione della sentenza della corte di Cassazione che ha confermato le condanne in via definitiva per l’inchiesta nota come i “Conti di Lavagna” sulle infiltrazioni dell’ndrangheta a Lavagna.

I tre condannati, a differenza di Francesco Antonio Rodà e di Antonio, Paolo e Francesco Nucera, (a cui il provvedimento è stato notificato in carcere) si trovavano ancora in libertà
Remilli è stato condannato alla pena di anni 6 e mesi 6 di reclusione per violazioni in materia di stupefacenti, Paltrinieri deve scontare 5 anni e 2 mesi per usura, mentre Natale Calderone è stato condannato a 2 anni e 10 mesi

I “capi” dell’organizzazione sono stati condannati definitivamente a 15 anni e 6 mesi (Rodà), 16 anni e 3 mesi (Paolo Nucera), 13 anni e 6 mesi (Antonio Nucera) e 7 anni e 7 mesi (Francesco Nucera).

Più informazioni
leggi anche
  • Evidenza
    Sentenza “I Conti di Lavagna”, Libera: “Basta ‘riduzionismo’, presenza ‘ndrangheta in Liguria radicata e diffusa “