Gioiello

Chiavari, arrivati gli interventi di restauro al Padiglione del tè a villa Rocca

Due i lotti d’intervento, per un importo complessivo di 591.680 euro

Chiavari. Sono iniziate le operazioni di restyling del Padiglione del tè presente all’interno del parco botanico di Villa Rocca, struttura liberty articolata su più livelli (seminterrato, piano terra, primo, secondo e terzo piano), completata nel 1912 per volontà di Giuseppe Rocca.

Due i lotti d’intervento, per un importo complessivo di 591.680 euro: il primo, in corso per circa 390 mila euro, comprende la messa in sicurezza, il recupero e la conservazione della palazzina, mentre il secondo il completamento delle finiture e delle opere di restauro interno, dei serramenti e di alcuni arredi mobili. A seguire i lavori l’Arch. Angela Zattera, mentre la ditta che si è aggiudicata la gara è R.W.S. conservazione e restauro opere d’arte.

“Un edificio di grande valore architettonico, storico e culturale che finalmente potrà essere nuovamente fruito dai chiavaresi e dai turisti in visita alla nostra città. Un intervento che va inserito all’interno del progetto complessivo di recupero e valorizzazione di tutto il parco di Villa Rocca, che la mia amministrazione ha portato avanti sin dal suo insediamento: partendo dal rinnovamento del tempietto pompeiano, all’abbattimento delle barriere architettoniche presenti all’entrata e alla riqualificazione delle facciate di Palazzo Rocca”, dice il sindaco Di Capua.

“Ma non finisce qui, ad aprile partiranno i lavori di restauro della casetta a ponente della villa ed è in fase di pubblicazione la gara per il nuovo teatro all’aperto che ospiterà oltre 370 posti – spiega Marco Di Capua a seguito del sopralluogo avvenuto questa mattina – Inoltre, grazie alla disponibilità sia del direttore dei lavori, l’Arch. Zattera, che della ditta incaricata, sempre nel rispetto delle norme anticontagio, potremo organizzare appositi laboratori per le scuole in modo tale da far conoscere il Padiglione del tè e le tecniche di restauro conservativo adottate».

Più informazioni