Per la droga

Carignano, minacce continue ai genitori per avere soldi: arrestato 22enne genovese

Ieri ha minacciato di distruggere la casa del fratello ma le vessazioni andavano avanti da tre anni

Genova. E’ stata l madre ieri mattina a chiamare la polizia raccontando che il figlio, un genovese di 22 anni, tossicodipendente, si era nuovamente presentato a casa sua chiedendo soldi e minacciando ripercussioni alla famiglia.
I poliziotti delle volanti, a cui l’operatore della centrale operativa, ricordando precedenti interventi, ha segnalato la delicatezza della situazione, sono arrivati a casa della donna nel quartiere di Carignano e hanno assistito in diretta ad una telefonata in cui il giovane minacciava di distruggere la casa del fratello qualora la madre non gli avesse dato dei soldi. Mentre un agente restava con la donna, gli altri poliziotti si sono recati a casa del fratello, in una via limitrofa, trovando il 22enne che cercava di entrare con un mazzo di chiavi di cui si era appropriato indebitamente.

In Questura si è poi appurato che è dal 2017 che il ragazzo, tossicodipendente abituale, ha cominciato a ricattare e vessare i suoi genitori per ottenere soldi. E quando riceveva un rifiuto si scatenava la sua ira con un crescendo di violenza contro persone, cose e contro sé stesso . Il giovane è stato denunciato recentemente anche per maltrattamenti alla sua compagna e il Questore di Genova ha emesso un provvedimento di ammonimento nei suoi confronti.

Il 22ene è stato portato nel carcere di Marassi in attesa dell’udienza di convalida.

Più informazioni