Quantcast
Parola al mister

Campomorone, Marco Pirovano: “Non siamo entrati in campo concentrati e abbiamo pagato gli errori”

"Da salvare c'è il secondo tempo: ho visto l'impegno e lo stare in campo con un atteggiamento positivo"

Cairo Montenotte. Giornata da dimentica per il Campomorone Sant’Olcese, battuto nettamente dalla Cairese: 3 a 0 il risultato.

La formazione allenata da Marco Pirovano ha pagato una partenza pessima, come conferma il mister: “Da salvare c’è il secondo tempo, perché comunque in inferiorità numerica su questo campo, che per noi è una mezza maledizione, anche perché non siamo abituati ed è come un altro sport per noi, ho visto l’impegno e lo stare in campo con un atteggiamento positivo. Poi è chiaro che la prima mezz’ora dove non c’è stata partita, l’ha approcciata meglio la Cairese. Quando dopo venti minuti sei 2 a 0 diventa difficilissimo metterla in piedi“.

In questi venti minuti, secondo me – prosegue -, ci sono l’episodio di Piacentini che dal campo mi sembrava rigore, poi bisogna vederla in televisione, e la palla di Piacentini che davanti al portiere ha calciato fuori. Queste sono le due palle che possono cambiare l’inerzia della partita, che però è sempre stata da parte della Cairese, perciò c’è poco da discutere: una vittoria sicuramente meritata. Dispiace perché nel secondo tempo in undici avremmo potuto fare qualcosa in più, ma probabilmente dopo il primo tempo era difficile. È un torneo così, di sei partite; è chiaro che quando sbagli bisogna cercare di cancellarla immediatamente e pensare alla prossima perché intanto non c’è altro da fare”.

I biancoblù hanno commesso errori tecnici o non hanno avuto un approccio giusto sul piano mentale? “È un po’ la somma delle due cose – spiega Pirovano -, perché di solito si entra in campo concentrati e gli errori che abbiamo fatto noi sui gol non li fai. È chiaro che i gol vengono a seguito degli errori; da quel punto di vista bravissima la Cairese, che comunque ha un attacco dei più forti della categoria, però è chiaro che noi ci abbiamo messo un po’ del nostro. Ma gli episodi sono fatti così, nel bene e nel male: quando tu regali due palle gol alla Cairese e vai sotto 2 a 0 rimetterla in piedi è difficile. Sicuramente si pagano l’attenzione e gli errori tecnici, il primo gol, quello di Alessi, secondo me era evitabilissimo. Ci prendiamo la nostra sconfitta meritata, ce ne andiamo a casa e cerchiamo, se vogliamo andare avanti, di migliorare l’atteggiamento, soprattutto ad inizio partita. Poi, ogni partita fa la sua storia e oggi ce n’è stata prova”.