Servizio

Bonus taxi, altri 750mila euro dal Comune di Genova: saranno ricariche per card già in uso

I cittadini genovesi, già beneficiari della card regionale, saranno avvertiti dell’attivazione del bonus comunale via mail

Genova. Approvato dalla giunta comunale, su proposta dell’assessore al Bilancio Pietro Piciocchi, sentito il consigliere delegato alle Politiche Sociali Mario Baroni, lo stanziamento di 750 mila euro del Bonus Trasporto in sicurezza – Emergenza Covid-19, i cosidetti Bonus Taxi. Lo aveva annunciato ieri sera il sindaco di Genova Marco Bucci durante il punto stampa covid ma ecco i dettagli.

Le risorse fanno parte del fondo Buoni Viaggio, assegnato al Comune di Genova dal ministero delle Infrastrutture e mobilità sostenibili, e vanno a implementare le ricariche delle card da 250 euro, già in uso e rilasciate da Regione Liguria.

La misura è rivolta alle fasce deboli e fragili della popolazione in particolare over 75, disabili o persone affette da malattie rare per andare incontro alle esigenze di mobilità in tutta sicurezza anti Convid-19. I cittadini genovesi, già beneficiari del Bonus Taxi regionale, saranno avvertiti dell’attivazione del bonus comunale attraverso il ricevimento di una mail che sarà inviata dalla finanziaria regionale Filse all’indirizzo fornito al momento della compilazione della domanda. La ricarica sarà automatica da parte di Carige, senza la necessità di alcuna attività o adempimento da parte dei beneficiari.

Ad oggi, su 13.708 beneficiari in tutta la Liguria sono state già consegnate da Carige circa 12.500 card (91%). Tra questi, i beneficiari residenti nel Comune di Genova sono circa 11.800 (a fronte di 10.800 card già consegnate).

«Il fondo ministeriale assegnato al nostro Comune – spiega l’assessore al Bilancio Pietro Piciocchi – è di un milione di euro e abbiamo deciso di dedicarne due terzi al bonus taxi in base alla graduatoria dei beneficiari della Regione Liguria, andando così a implementare le risorse su una misura che ha avuto un ottimo riscontro da parte delle categorie più fragili e quindi più esposte ai rischi collegati all’emergenza pandemica. Questo provvedimento segue quello varato la scorsa settimana, con fondi della nostra amministrazione, e rivolto alle persone disabili che abbiano esigenza di spostarsi nel quotidiano rivolgendosi a soggetti accreditati per il trasporto in sicurezza».

Del fondo da un milione di euro destinato al Comune di Genova, 250mila euro sono stati destinati al trasporto delle persone con disabilità, fino a giugno 2021, per servizi di trasporto lavorativo e di riabilitazione.

«La nostra amministrazione è molto attenta alle persone più fragili e più deboli – spiega il consigliere delegato alle Politiche sociali Mario Baroni – attraverso Filse, la Finanziaria di Regione Liguria, che ha già predisposto la platea dei beneficiari, circa 10mila stimati nel Comune di Genova, gestirà la ricarica delle card in uso e nell’ottica dell’efficientamento delle attività amministrative potremo accorciare i tempi perché i bonus possano arrivare a chi ne ha diritto e quindi esigenza, ottimizzando l’utilizzo delle risorse ministeriali in modo mirato. Il buono viaggi e i servizi di trasporto tramite soggetti accreditati per le persone con disabilità, varati dalla nostra giunta, sono vitali per dare una risposta concreta ed efficace alle famiglie con persone fragili, soprattutto in un momento di emergenza come quello attuale. I fondi messi a disposizione dal Comune di Genova saranno equamente suddivisi tra tutti i beneficiari offrendo quindi maggiori possibilità di fruire del servizio all’intera platea interessata dal bonus».

«Ringrazio la civica amministrazione e la giunta per la sensibilità rivolta alle persone più deboli – commenta il consigliere comunale Carmelo Cassibba, componente della Commissione Welfare – Grazie al dialogo e al confronto con tutti i soggetti coinvolti, anche attraverso il ruolo di facilitatore svolto da Confartigianato Taxi, si è raggiunta una soluzione che va a soddisfare le esigenze quotidiane di trasporto per i più fragili e contestualmente dà un supporto a una categoria duramente colpita dalle limitazioni delle attività e degli spostamenti come quella dei tassisti».

«La scelta del Comune di Genova di agganciarsi all’iniziativa attivata da Regione Liguria è un esempio concreto di collaborazione virtuosa di cui potranno godere i cittadini genovesi già titolari del bonus taxi regionale e rientranti nelle categorie beneficiarie dei 750mila euro aggiunti stanziati dal Comune di Genova – affermano gli assessori regionali alle Politiche sociali Ilaria Cavo e ai Trasporti Gianni Berrino – Grazie a questo finanziamento ulteriore, gli over 75, i disabili e le persone affette da malattie rare si vedranno ricaricare automaticamente le card di cui sono già in possesso, così da poterle utilizzare per corse aggiuntive, in un periodo in cui, con la campagna di vaccinazioni anti Covid-19 in corso, possono averne maggiore bisogno.
Il finanziamento comunale va ad aggiungersi agli oltre 3 milioni di euro che, stanziati da Regione Liguria tramite Fse, hanno permesso di soddisfare oltre 13mila domande. Da Regione è già stato prorogato al 31 dicembre prossimo il termine per l’utilizzo della carta prepagata».

Più informazioni