Quantcast
Commento

Anche Toti si schiera contro la Super League: “Il calcio è meritocrazia”

"La cosa certa è che penalizzerà solo i tifosi cancellando la nostra storia, fatta di passione e di amore per la maglia"

Genova. “Il calcio è meritocrazia, chi vince sul campo deve andare avanti. Non so come andrà a finire la storia della Superlega ma la cosa certa è che penalizzerà solo i tifosi cancellando la nostra storia, fatta di passione e di amore per la maglia”.

È il commento che Giovanni Toti, presidente della Liguria, ha affidato a Facebook sul progetto della Superlega portato avanti al momento da 12 squadre europee tra cui Juventus, Inter e Milan.

Ed è proprio per i rossoneri, un tempo legati a Silvio Berlusconi, che il governatore ligure nutre una simpatia calcistica, sebbene mai del tutto esplicitata. “Il calcio è di chi lo ama – aggiunge Toti – e non di chi vuole guadagnare di più”.

Un vero e proprio terremoto nel mondo del calcio che a Genova ha già visto, com’era prevedibile e scontato, una levata di scudi bipartisan. 

Più informazioni
leggi anche
  • Deriva
    SuperLega, Simone Braglia: “Siamo a un punto di non ritorno e a pagare saranno gli appassionati”
  • Contrario
    SuperLega, Marco Lanna: “Tradito lo spirito del calcio, aumenterebbe la disparità in campionato”
  • Voce univoca
    Ferrero e Preziosi uniti contro la Super League: “Danneggia la Serie A”, “Un brutto film”
  • L'opinione del mister
    Sampdoria, anche Ranieri esprime il suo dissenso alla Super League