Indignazione

Alluvioni, il Governo lascia la Liguria senza soldi. Giampedrone: “Imbarazzo totale”

A quasi sette mesi dal nubifragio a Casarza Ligure arrivati solo 140mila euro su 750mila di somme urgenze

Nubifragio sul Tigullio

Genova. Sull’ondata di maltempo di ottobre 2020 “l’imbarazzo è totale. Per le somme urgenze la Protezione civile nazionale ha assegnato 8,2 milioni su un totale di 47 milioni che avevamo chiesto. Tra 20-25 giorni, con l’avvio della stagione primaverile, poter supportare i sindaci che non hanno fogne e acquedotti diventerà insostenibile”.

A lanciare l’accusa è l’assessore regionale Giacomo Giampedrone che risponde così a un’interrogazione del consigliere Pd Enrico Ioculano che ha chiesto lumi su rimborsi a imprese e Comuni per i danni alluvionali dello scorso autunno, ancora fermi al palo per la maggior parte delle realtà colpite.

Nella notte del 2-3 ottobre, quasi sette mesi, un nubifragio aveva lasciato l’entroterra di Sestri Levante in balia del fango e della devastazione, mentre ancora più drammatica era la situazione in Ventimiglia e in Val Roja, colpite da una vera e propria alluvione. Lo scorso 22 ottobre il Consiglio dei ministri aveva deliberato lo stato d’emergenza solo per il Ponente, erogando solo 7 milioni per la provincia di Imperia.

A distanza di mesi il riconoscimento è stato esteso anche ad alcuni comuni del Tigullio, ma la cifra è cresciuta solo di poche centinaia di migliaia di euro. “Non ci è mai capitato un imbarazzo tale a tanti mesi dalla fine dell’emergenza. Almeno la copertura delle somme urgenze credo sia doverosa, come è sempre avvenuto in tutte le occasioni”, osserva Giampedrone.

Il comune più colpito è stato Casarza Ligure, lungo la valle del Petronio, dove la frazione di Bargone era rimasta isolata a causa di una grossa frana. Qui i danni, solo per gli interventi in somma urgenza, ammontano a 750mila euro. “Lo scorso mese sono arrivati 140mila euro dalla Regione come primo ristoro – spiega il sindaco Giovanni Stagnaro – e per ora non abbiamo visto altri soldi. Per finanziare tutti i lavori necessari abbiamo dovuto contrarre un mutuo con Cassa Depositi e Prestiti, per fortuna abbastanza conveniente perché è pensato apposta per gli enti pubblici in questo tipo di eventi, in attesa che arrivino altre somme”.

leggi anche
Generica
Abbandonati
Maltempo, dal governo niente soldi per il Tigullio: “Uno scandalo, saremo costretti a indebitarci”

Per fortuna dal ministero sono arrivati 700mila euro per interventi strutturali (su un canale distinto dall’emergenza maltempo), che sommati ai 450mila dell’anno precedente consentiranno di risolvere almeno alcuni problemi a lungo termine. “Il grosso limite resta il torrente Petronio, che ha bisogno di lavori su briglie e argini – prosegue il sindaco -. Su quello parliamo di 2 milioni di euro necessari, mentre per il torrente Cacarello, che attraversa il centro del paese, abbiamo ottenuto un finanziamento per la progettazione esecutiva. Servono i soldi per l’opera, ma confidiamo di ottenere 3,5 milioni visto che la Liguria lo ha inserito tra le opere strategiche per il Recovery Fund”.

leggi anche
Generica
Abbandonati
Maltempo, dal governo niente soldi per il Tigullio: “Uno scandalo, saremo costretti a indebitarci”
Nubifragio sul Tigullio
Aiuto
Maltempo, il grido del Levante: “Anche qui un disastro, non vogliamo essere dimenticati”
Generica
Dopo mesi
Alluvioni, il Governo sblocca 110 milioni per il maltempo di ottobre 2020 in Liguria