Quantcast
Amarcord sampdoria

“Album dei ricordi blucerchiati”: Alessandro Grandoni, il Lippi del 2000

138 presenze nel Doria e tante eleganti, quanto concrete, prestazioni, esaltate dagli incitamenti della Sud per un ottimo difensore, che ha contribuito a riportare la ‘ballerina’ in Serie A.

grandoni

Albenga. Partiamo dalla città ingauna, perché la figurina dell’Album dei ricordi blucerchiati, è oggi dedicata ad Alessandro Grandoni, attuale mister dell’Albenga, che a cavallo degli anni 2000, ‘lippieggiava’ al centro della difesa blucerchiata… Sì, lo confesso, non tanto nelle sue prime partite nella Sampdoria, allenata dal giovane Luciano Spalletti (ma anche di David Platt), nel disgraziato campionato della retrocessione (‘98/99), quando veniva per lo più utilizzato come terzino destro, ma piuttosto quando, negli anni successivi, Cagni, Bellotto o Novellino, lo ponevano al centro della difesa, devo dire che nelle movenze e nello stile di gioco, mi ricordava il Lippi blucerchiato, ‘libero’ vecchio stile, del Doria anni ’70.

Grandoni inizia a giocare con i grandi a 16/17 anni, in Serie D con la Ternana, ma ben presto viene acquistato dalla Lazio (che ha Dino Zoff come presidente e Zdeněk Zeman come allenatore) e vi resta anche nel primo anno della coppia Sven-Göran Eriksson e Roberto Mancini, che peraltro lo convincono, proprio nell’estate del ’98, ad accettare il trasferimento a Genova, a bilanciare, almeno parzialmente, l’operazione di infoltimento di ex blucerchiati in bianco azzurro (Siniša Mihajlović, che andava ad aggiungersi a Vladimir Jugović ed Attilio Lombardo, oltre ai precitati).

E’ così, che Alessandro (19 presenze nell’Under 21, da capitano e pupillo del mister Marco Tardelli, 4 nella Under 23 e ne racimolerà anche 3 nell’Olimpica) si ritrova a Bogliasco, a giocare in una difesa, che comprende anche Moreno Mannini, Marcello Castellini, David Balleri (suo attuale vice ad Albenga), Emanuele Pesaresi, il portoghese Hugo, Saliou Lassissi, Stefano Nava, Nenad Sakić e Bratislav Živković… non male, visto che, davanti o in mezzo, giocava anche Vincenzo Montella, Ariel Ortega, Pierre Laigle, il brasiliano Doriva, Francesco Palmieri, Simone Vergassola, Zoran Jovičić… Eppure, complice l’arbitraggio di Trentalange, a Bologna, arrivò un’incredibile retrocessione…

Al primo tentativo di risalita, guidato da Giampiero Ventura, Grandoni partecipa poco, perché a gennaio, società e mister, decidono di lasciarlo andare in prestito al Torino… Scelta poco felice, perché forse la sua permanenza avrebbe permesso di non fallire l’obiettivo promozione…

Tuttavia, è il gioco dei ‘se’ e dei ‘ma’, perché anche i due successivi sforzi di Gigi Cagni, non danno gli esisti sperati… Anzi, senza l’arrivo in panchina di Gianfranco Bellotto, il patacrack poteva essere completo…

Salvata faticosamente la ghirba, Riccardo Garrone, con la supervisione di Beppe Marotta, allestisce una squadra di autentico livello e la affida alle sapienti idee di Walter Novellino, che si contorna di fedelissimi (Sergio Volpi, Francesco Pedone, Fabian Valtolina, Stefano Sacchetti, Fabio Bazzani), ma non rinuncia alle colonne già in rosa, come Alessandro Grandoni  ed il ‘rosso’ Mirko Conte, autore del goal ‘evita Serie C’, contro il Messina.

Trentasette presenze su trentotto, per Alessandro, nella galoppata verso la A, titolare inamovibile al centro della difesa, ma non sarà così l’anno successivo nella massima serie, complice l’esplosione di Moris Carrozzieri, che ‘Monzon’ lancia in mischia addirittura a San Siro, contro l’Inter di Julio Cruz e di Oba Oba Martins… e la prova del giovane gigante, preso in estate dal Teramo, induce Novellino a dargli fiducia e lasciare Grandoni libero di andare, nel gennaio successivo, a prendersi il posto da titolare nel Modena e poi, per cinque anni, a Livorno, dove con 145 presenze (e due reti), supererà di poco quelle ottenute con il Doria (138).

Nessun goal in maglia blucerchiata, ma tante eleganti, quanto concrete, prestazioni, esaltate dagli incitamenti della Gradinata Sud, per il ‘nuovo Lippi’, che ha contribuito – col gruppo di Monzon – a riportare la ‘ballerina’ Sampdoria in Serie A.