Quantcast
"ora basta"

Viadotto Bisagno, nuova interrogazione in Parlamento. Botto (M5s): “Tutti colpevoli” fotogallery

"Dopo esposti, interrogazioni, e decine di episodi del genere, quello che è successo ieri è inaccettabile"

botto cantiere bisagno viadotto

Genova. Dopo la “pioggia di metallo” sotto il viadotto Bisagno avvenuta ieri a seguito del distacco di alcuni parti dei ponteggi del cantiere, il caso torna ad assumere una dimensione nazionale, con una nuova interrogazione parlamentare urgente che punta a fare chiarezza e a risolvere una volte per tutte il problema della sicurezza per l’infrastruttura e, soprattutto, per i residenti della zona.

A potarla in discussione a Palazzo Madama la senatrice del Movimento 5 Stelle Elena Botto, già in passato promotrice di altre iniziative simili: “E’ da anni che si trascina questa situazione pericolosa per tutti i cittadini ma soprattutto per chi vive lì sotto. Quella di ieri è stata l’ultima chiamata, se succedesse qualcosa ancora nessuno si potrebbe chiamare fuori. Tutti sarebbero colpevoli“.

Sulla questione della sicurezza del viadotto della A12 sono stati fatti esposti, interrogazioni a tutti i livelli istituzionali, ma nonostante ciò ancora ieri mattina si è rischiato grosso, con 5 assi di metallo volate letteralmente sulle case degli abitanti, sfiorando la tragedia: “Sono state tante volte annunciate interventi e risposte, ma ad oggi nei fatti sono rimaste lettera morta – sottolinea Botto – Bisogna trovare una soluzione alternativa per gli abitanti, che chiedono di essere spostati. Da una certa parte politica si sente parlare di Ponte sullo Stretto quando poi nel territorio genovese, quello del Ponte Morandi, ci sono delle infrastrutture ancora così a rischio”.

Un episodio quindi “inacettabile” di cui la risposta della azienda responsabile del cantiere non ha lasciato soddisfatti: “Non credo che i provvedimenti possano bastare – spiega la senatrice – per un cantiere del genere serve un monitoraggio costante, e certi episodio non devono assolutamente accadere. Ad oggi abbiamo perso il conto di quante volte siano stati raccolti pezzi, parti di metallo, attrezzi caduti da oltre 70 metri sulla testa delle persone“.

Oggi è prevista la prima convocazione del tavolo Pris attivato da Regione Liguria, che discuterà delle forme e delle modalità di risarcimento per i cittadini interferiti dal grande cantiere di manutenzione: “Vediamo cosa esce, alla luce di questi episodi sembra essere una mossa comunque tardiva, le istituzioni dovrebbero muoversi prima che certe cose accadano. Dopo è sempre troppo tardi”.

leggi anche
viadotto bisagno residenti rabbia
"basta"
Ponteggi caduti dal viadotto Bisagno, la rabbia dei residenti: “Non possiamo più vivere così”
Messa in sicurezza ponteggi cantiere viadotto Bisagno
La nota
Assi giù dal viadotto Bisagno, Pavimental rescinde il contratto con la ditta appaltatrice
viadotto bisagno vento impalcature
Allarme
Cantiere sul viadotto Bisagno: assi di metallo precipitano sulla strada e sulle case
Viadotto Bisagno, il cantiere sopra le case
Ci siamo
Viadotto Bisagno, avviato il tavolo Pris. Giampedrone: “Prima volta in Italia per opere di manutenzione”
Generica
Toc toc
Viadotto Bisagno, opposizioni in pressing su sindaco. Botto, M5s: “Bucci si occupi dell’incolumità pubblica”
Generica
Interrogativi
Viadotto Bisagno, Bucci scrive al ministero: “Qual è lo stato di sicurezza?”
Viadotto Bisagno
Punto di non ritorno
Viadotto Bisagno, Elena Botto: “Risposta debole: rapporto di fiducia incrinato, avanti con revoca concessioni”
Viadotto Bisagno, il cantiere sopra le case
Passaggio
Viadotto Bisagno, il Rina certificherà il cantiere per calcolare gli indennizzi ai residenti