Il piano

Vaccino Covid, domani prime dosi alle forze dell’ordine. E l’Università si candida al fai-da-te

Al via la distribuzione del farmaco AstraZeneca per gli under 65 alle categorie abilitate all'auto-somministrazione

Genova. Inizierà domani la distribuzione delle dosi di vaccino AstraZeneca alle categorie in grado di gestire in autonomia la somministrazione in Liguria. E tra questi potrebbe rientrare anche il personale universitario, anche se è ancora in corso una valutazione. Lo ha spiegato il presidente Giovanni Toti nel punto stampa sull’emergenza coronavirus.

“Tutte le categorie prioritarie hanno due strade – ha detto Toti -. Se non c’è un sistema di medicina interna, si rivolgeranno a partire dal 9 marzo ai medici di medicina generale che prenoteranno e vaccineranno. In alcune situazioni è stata garantita la possibilità di procedere con l’auto-somministrazione, ad esempio la questura di Genova: saranno direttamente loro a inoculare le dosi. L’università, che ha un settore medico importante, dovrebbe essere in grado di fare la stessa cosa. Lo stiamo verificando”.

Dunque già nei prossimi giorni potranno iniziare a vaccinarsi gli 11mila appartenenti alle forze dell’ordine in Liguria: non solo le forze di polizia, ma anche i penitenziari, la Capitaneria di porto e i vigili del fuoco, tutti corpi dotati di personale medico in grado di gestire l’operazione senza l’intermediazione delle Asl che a questo punto serviranno solo per distribuire e monitorare l’utilizzo delle dosi.

Tutti gli altri, come chiarito negli scorsi giorni, dovranno passare dal proprio medico di famiglia: dall’8 marzo sarà attivo il sistema di prenotazione riservato ai camici bianchi e dal giorno successivo potranno telefonare per prendere un appuntamento il personale scolastico docente e non docente, i dipendenti della polizia locale e quelli degli uffici giudiziari.

La vera accelerata tuttavia è sul Ponente regionale, dove l’incidenza del virus continua a crescere. Le restrizioni da zona arancione rafforzata in vigore a Ventimiglia potrebbero essere estese anche sui comuni del distretto di Sanremo. “Per questo – ha aggiunto Toti – abbiamo dato indicazione ad Asl 1 di accelerare con le vaccinazioni non solamente sugli over 80, ma anche con le dosi AstraZeneca sulle categorie prioritarie e sulle fragilità under 65. Lo facciamo alla luce del fatto che quella provincia incide per gran parte sull’equilibrio regionale del contagio e abbiamo bisogno di porre un argine”.

leggi anche
  • Problema
    Malattie rare, la protesta in Regione: “Chiusi in casa da un anno, quando arriva il vaccino?”
  • Commento
    Vaccini, Bassetti: “L’Italia acquisti il Johnson & Johnson su canali extraeuropei”
  • Solidarietà
    Auser chiede di vaccinare i volontari: “Abbiamo fatto 11mila interventi in 12 mesi”
  • Richiesta
    Vaccino anti Covid, Toti: “Giusto usare una sola dose, il Governo deve cambiare le regole”
  • Impegno
    Vaccini anti Covid, Toti. “Ad aprile 30mila alla settimana in Liguria, dal 9 marzo i primi Astrazeneca”
  • La guida
    Vaccino anti Covid, il piano per gli under 65 in Liguria: chi potrà riceverlo e come prenotarsi
  • Paradosso
    Vaccino Covid, Astrazeneca ok per i vulnerabili: anche loro “sorpassano” gli estremamente vulnerabili
  • Ancora qualche giorno
    Vaccini, dal 9 marzo si aprono le prenotazioni tramite medico di famiglia per i ‘fragili’
  • Accelerata
    Svolta sui vaccini, una sola dose a chi ha già avuto il Covid: in Liguria 75mila risparmiate
  • Il piano
    Vaccino under 65, dal 15 marzo si parte in Liguria. Ma non si farà nello studio del medico