Precisazione

Taglio dosi Astrazeneca per la Liguria, Regione: “Prenotazioni continuano ugualmente”

"Ogni altra comunicazione differente all'utenza è errata e fuorviante", sottolinea una nota. Ovviamente il numero massimo di somministrazioni al giorno diminuirà

Genova. Regione Liguria comunica che, nonostante il taglio di circa 60 mila dosi di vaccini AstraZeneca rispetto a quante ne fossero previste per la Liguria nel mese di aprile, i medici di medicina generale continueranno a prenotare le vaccinazioni per i propri assistiti, come previsto dagli accordi e dal piano vaccinale regionale.

“Ovviamente – si legge nella nota della Regione – a causa dei tagli nella fornitura delle dosi di vaccino, il numero massimo di pazienti vaccinabili in ogni giornata diminuirà”.

Come funziona allora? Una volta raggiunto il tetto massimo giornaliero di prenotazioni possibili in funzione delle dosi disponibili, i medici potranno effettuare ulteriori prenotazioni per i propri assistiti nel primo giorno utile, seguendo le quantità di vaccini consegnati e quindi somministrabili.

Prosegue contestualmente l’attività dei medici di medicina generale di segnalazione alle Asl dei propri assistiti ‘estremamente vulnerabili’ oppure da vaccinare al domicilio in quanto ‘non deambulanti’. “Ogni altra comunicazione differente all’utenza è errata e fuorviante”, sottolineano dalla Regione.