Traffici

Suez, la Ever Given ha iniziato a muoversi: possibile sblocco del canale in giornata

Ma le ripercussioni dell'incagliamento, con oltre 300 portacontainer in attesa, dureranno mesi. Oggi il webinar dell'Autorità portuale di Genova

Genova. Ad accorgersene per primi sono stati gli appassionati che da giorni analizzano siti come Marin Traffic o Ship Finder. Alle 5e42 di questa mattina la nave portacontainer Ever Given è si è mossa. La gigantesca imbarcazione, incagliata nella sabbia del deserto attorno al canale di Suez, è stata sbloccata e rimessa almeno parzialmente a galla.

Era ancora notte quando decine di rimorchiatori hanno suonato le sirene per festeggiare il momento. Nel corso della giornata, con l’abbassamento della marea, si capirà se l’operazione andrà a buon fine. Nei giorni scorsi sono state aspirate 20mila tonnellate di sabbia per liberare la prua del cargo lungo 400 metri e pesante 220 mila tonnellate.

Tuttavia, avvertono gli esperti del settore, per i traffici mondiali le ripercussioni dureranno mesi. E si fanno già sentire nelle forniture di petrolio, con un rialzo dei prezzi sui mercati internazionali.

Per capire in che modo e in quale misura questo pomeriggio si terrà un webinar a tema (alle 15.30 sulla piattaforma Zoom) promosso dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale e che vedrà la partecipazione di rappresentanti delle categorie di settore del cluster portuale.

Intanto in attesa, nel canale di Suez, ci sono oltre 300 navi mercantili: ogni giorno, è stato calcolato, sono bloccati traffici per un valore di quasi 10 miliardi di dollari. Attraverso il canale di Suez passa il 13 per cento di tutti i traffici globali.

“Il disastroso incidente sul Canale di Suez evidenzia i limiti del gigantismo navale. Sta creando più problemi che utilità. Bisogna ragionare su un limite al fenomeno che negli ultimi 15 anni ha portato a una crescita esponenziale della capacità e delle dimensioni delle navi portacontainer che frequentano i nostri scali marittimi. Gli effetti di quanto sta accadendo a Suez ci portano verso una riflessione generale sul trasporto marittimo e sull’alto livello infrastrutturale richiesto. Un sistema fragile e vulnerabile messo a nudo dal blocco della mega porta container Ever Given”, dice in una nota il deputato della Lega Edoardo Rixi, responsabile nazionale Infrastrutture e componente della Commissione Trasporti.

Più informazioni