Il documento

Sciopero porto di Genova, la solidarietà della Fiom: “Pronti a lottare con voi”

"La Fiom sarà sempre presente a fianco dei portuali genovesi metalmeccanici sostenendo le mobilitazioni promosse per respingere questi attacchi"

La Fiom di Genova a Roma con Landini

Genova. Solidarietà della Fiom ai lavoratori portuali di Genova in vista dello sciopero del porto indetto per venerdì dai sindacati dopo la ormai famosa lettera di terminalisti.

Questa mattina il direttivo della Fiom di Genova e Tigullio, riunito alla sala chiamata per l’assemblea generale sul nuovo contratto, ha approvato un ordine del giorno in cui “esprime la piena solidarietà alla Culmv e a tutti i lavoratori del porto di Genova che sciopereranno venerdì 5 marzo contro l’arroganza dei terminalisti genovesi che vogliono mettere in discussione organizzazione del lavoro e diritti dei lavoratori portuali”.

“Terminalisti perennemente in lite tra loro – ricorda la Fiom – ma uniti quando si tratta di spremere maggiori profitti da spartirsi, a discapito della sicurezza sul lavoro, nel segno della precarietà e della frammentazione”.

“La Fiom sarà sempre presente a fianco dei portuali genovesi – dice il sindacato dei metalmeccanici – sostenendo le mobilitazioni promosse per respingere questi attacchi, a partire dallo sciopero indetto per il prossimo venerdì 5 marzo”.

Per tentare i extremis di scongiurare una mobilitazione con probabile corteo, domani mattina si terrà un tavolo urgente in Prefettura con tutte le parti convocate.

Più informazioni
leggi anche
cronaca
Alle 10
Porto di Genova, mercoledì tavolo in Prefettura per scongiurare lo sciopero
Sciopero del porto 11 maggio 2018
24 ore
Porto di Genova: sciopero il 5 marzo dopo la lettera dei terminalisti
Sciopero del porto 11 maggio 2018
Revoca difficile
Porto di Genova, confermato al momento lo sciopero di venerdì
sciopero portuali
5 marzo
Confermato lo sciopero dei portuali, oggi doppio presidio a Genova
Sciopero porto di Genova
Presidio
Sciopero del porto di Genova, i lavoratori presidiano i varchi. La Culmv: “Gli accordi vanno rispettati”