Sampdoria Primavera: tripletta fantastica al Torino - Genova 24
Blucerchiati in vetta

Sampdoria Primavera: tripletta fantastica al Torinorisultati

Ciliegina sulla torta: in attesa che giochino Inter e Roma, i Tufano’s boys sono primi in classifica, al termine del girone di andata

Sampdoria Vs Milan

Volpiano. Felice Tufano si presenta alla sfida con l’ex Marcello Cottafava, privo di capitan Trimboli e di Angileri (entrambi squalificati) e l’assenza dell’ex palermitano, lo costringe ad impiegare un trio difensivo centrale, tutto mancino, con lo slovacco Adam Obert costretto a disimpegnarsi sulla destra.

Gli undici prescelti, non sembrano tuttavia disposti a piangersi addosso e facendo perno su un Nik Prelec, in qualche occasione in versione Lukaku, impallinano tre volte i granata, fra i quali l’unico a spiccare sopra la media è l’ungherese Krisztofer Horváth.

La rete che sblocca il risultato arriva dopo una ventina di minuti, tutto sommato equilibrati, finché sale il cattedra lo sloveno, che pesca sulla fascia opposta Giordano, sul cui vellutato cross, lo stesso Prelec svetta, come un gigante, nel cuore dell’area avversaria e con una precisa inzuccata batte il portiere rumeno Razvan Sava.

Incitati da Cottafava, i granata spingono alla ricerca del pari e ci vanno vicini, attorno alla mezz’ora, quando Yepes Laut atterra in area Enrico Oviszach (già qualche presenza in Serie C, con la Cavese). Sul dischetto va  l’Under 19 azzurro Jean Freddi Greco, che cerca di piazzare la palla a fil di palo, sulla destra di Petar Zovko, che però  si distende, con un gran tuffo e la devia sul palo, compiendo un’autentica prodezza.

Goal fallito, goal subito (per il Toro), che si trova, subito dopo sullo 0-2, perché Ercolano si fa trovare libero qualche metro fuori area, quando su schema da corner (scambio Brentan-Giordano), gli giunge il pallone giusto, per trafiggere Sava, dalla distanza, con un gran tiro.

Al rientro dall’intervallo, i granata cercano di rientrare in partita, con tre discrete occasioni (sulla prima Zovko dice no, ad una bella girata di Horvath; sulla seconda è attento Angileri a proporre un’importante copertura dentro l’area doriana; sulla terza il subentrato Vanni, uno dei migliori, si presenta al tiro, ma spara sopra la traversa, con Zovko comunque sulla traiettoria).

E’ la Sampdoria, peraltro, a dimostrarsi molto più concreta, dapprima, quando l’arbitro Fontani di Siena annulla un goal a Di Stefano (che aveva ribattuto in rete una corta respinta di Sava su un sinistro di Prelec), ma soprattutto ad un quarto d’ora dalla fine, con Obert che realizza la terza marcatura, con una spettacolare conclusione dai 25 metri.

Non sazi, i blucerchiati hanno ancora due occasioni in pieno recupero, che vedono Sava parare coi piedi un destro di Prelec e poi, sul corner successivo, Marrale – appena entrato –  sfiorare la traversa con un bel colpo di testa.

La ciliegina sulla torta, al triplice fischio finale del direttore di gara, consiste nel fatto che (in attesa che fra domani e lunedì, giochino Inter e Roma), la Sampdoria Primavera è prima in classifica (a pari punti con loro), al termine del girone di andata.

Le formazioni:

Torino (3-4-1-2): Sava; Aceto, Celesia, Tesio (dal 73° Continella), Spina (dal 46° Portanova), Lovaglio (dal 73° Kryeziu), Todisco, Greco (dal 73° Favale), Gyimah (dal 46° Vianni), Horvath, Oviszach.

A disposizione: Girelli, Nagy, Larotonda, Fimognari, Cancello, Fiorenza.

Sampdoria (3-5-2): Zovko; Obert, Siatounis, Napoli; Ercolano, Brentan, Yepes, Francofonte (dal 77° Pedicillo), Giordano; Prelec, Di Stefano (dall’89° Marrale).

A disposizione: Saio, Miceli, Hermansen, Paoletti,  Canovi, Somma,  Sepe, Malagrida, Gaggero, Montevago.