Già fatto?

Prima dose di vaccino per il sindaco Bucci, somministrato il farmaco Astrazeneca

Il primo cittadino ha 61 anni ma rientra nella categoria degli ultrafragili

Genova. Il sindaco di Genova Marco Bucci si è vaccinato questa mattina in uno degli ambulatori dell’Asl 3, quello in centro città in via XII Ottobre. Il sindaco, 61 anni, ha diritto al vaccino in quanto rientra nella categoria dei soggetti ultrafragili.

“Questa mattina sono stato sottoposto alla prima dose di vaccino AstraZeneca anti Covid-19 in qualità di soggetto ultrafragile – ha scritto lo stesso Bucci su Facebook, svelando anche alcuni dettagli sulla propria condizione di salute – da tempo, infatti, soffro di una forma di diabete con complicanze, una retinite diabetica di grado moderato con edema maculare bilaterale clinicamente significativo, per la quale sono soggetto a terapie farmacologiche”.

In base alle disposizioni del sistema sanitario nazionale si soggetti ultrafragili devono essere vaccinati in contemporanea con gli over80 e con le categorie speciali come forze dell’ordine, docenti e volontari di protezione civile. Unica discrepanza rispetto alle linee guida del ministero, l’utilizzo del vaccino Astrazeneca che è sconsigliato per i pazienti ultrafragili ma questa mattina, all’arrivo in ambulatorio, il medico ha spiegato che quello sarebbe stato il farmaco.

“Nelle scorse settimane, il mio medico di famiglia mi ha proposto di sottopormi all’inoculazione fissandomi l’appuntamento – dice Bucci – a tutti i cittadini genovesi dico di non spaventarsi e, quando sarà il proprio turno, di sottoporsi al vaccino che è unico, efficace e affidabile rimedio per poter vincere la guerra contro il virus e uscire dalla pandemia riprendendoci in pieno la nostra vita e le nostre libertà”.

leggi anche
  • Dettaglio
    Bucci ultrafragile ma riceve l’AstraZeneca: “Non so perché ma sono la prova che non bisogna temerlo”
  • Stop
    Cambia ancora il piano vaccinale: prenotazioni bloccate per i vulnerabili tra 60 e 70 anni
  • I numeri
    Vaccini anti covid, 3 milioni di dosi in arrivo in Italia. Figliuolo: “E’ il cambio di passo”