I criteri

Ospedale San Martino, ecco a chi andranno le 5 dosi giornaliere di vaccino ‘avanzate’

Pazienti ultra vulnerabili in trattamento, over 80 già prenotati e dipendenti delle ditte di appalto

Genova. L’ospedale San Martino di Genova spiega in una nota a chi distribuirà le dosi eventualmente avanzate di vaccino che vengono inoculate all’interno degli ambulatori del nosocomio genovese.

Con l’ordinanza n. 2/2021 infatti il Commissario Straordinario per l’Emergenza COVID-19, Generale Francesco Paolo Figliuolo, ha disposto che le dosi di vaccino eventualmente residue a fine giornata, qualora non conservabili, siano eccezionalmente somministrate, per ottimizzarne l’impiego evitando sprechi, in favore di soggetti comunque disponibili al momento, secondo l’ordine di priorità individuato dal menzionato Piano Nazionale e successive Raccomandazioni.

In ottemperanza a tale disposizione e, alla luce del fatto che a fine giornata le dosi residue presso gli ambulatori vaccinali del San Martino non supereranno il numero di 5 unità, saranno adottati dal policlinico San Martino i seguenti criteri di arruolamento:

– Pazienti estremamente vulnerabili già in trattamento presso il Policlinico.

– Pazienti over 80 prenotati dal Cup presso gli ambulatori vaccinali del Policlinico.

Dipendenti di ditte in appalto che prestano servizio all’interno della nostra struttura.

Più informazioni
leggi anche
  • Nuovo caso
    Cluster di coronavirus all’ospedale di Lavagna, Toti: “Provocato da personale non vaccinato”
  • Analisi
    Dosi inutilizzate e medici “disoccupati”: ecco perché la Liguria è agli ultimi posti sui vaccini