Solidarietà

Molassana, il quartiere si mobilita per pagare la multa al venditore ambulante

La raccolta fondi è scattata dopo pochi minuti dall'episodio: già raccolti centinaia di euro

polizia locale ceriale

Genova. C’è chi ha lasciato venti euro, chi cinquanta, chi qualche spicciolo. Addirittura da Bruxelles è arrivato un bonifico da una genovese che ora la risiede: Molassana si è mobilitata in grande per sostenere il “suo” venditore ambulante di quartiere, multato lunedì scorso dalla polizia locale perchè vendeva mimose senza le autorizzazioni del caso.

Il fatto è avvenuto nell’omonima via, a pochi passi dalla rotonda del Geirato: la pattuglia di polizia locale verifica che l’uomo non ha i documenti in regola, e scatta il sequestro. Secondo alcuni testimoni (la zona è il cuore commerciale della Val Bisagno) le maniere “sono un po’ ruvide”: sequestrate le mimose, l’uomo viene identificato per procedere con il verbale.

Ma a quale punto i cittadini presenti “insorgono”: il venditore è molto conosciuto e “coccolato” da chi qui lavora o abita, “sempre gentile, mai inopportuno o insistente”, di fatto adottato dal quartiere da oltre 10 anni. Arriva un’altra pattuglia della locale di rinforzo. Gli animi si placano, e mentre gli agenti finiscono i loro rilievi di rito, scatta immediata la solidarietà: dopo pochi minuti, a fronte di un verbale da circa 5 mila euro, nella mani del multato arrivano le prime offerte.

Offerte che in un paio di giorni superano le centinaia di euro, a dimostrare l’affetto di chi conosce l’uomo. I commercianti si mobilitano e si fanno parte attiva per la raccolta: il fruttivendolo, l’agenzia immobiliare, il pescivendolo e i bar si mettono a disposizione per raccogliere il denaro necessario a “tirar fuori dai guai” l’ambulante, che con il suo lavoro, informale, certo, ma di sussistenza, mantiene se stesso e la famiglia. Se la legge è implacabile (anche se non sempre ‘ugualmente’ per tutti), la solidarietà non conosce di certo ostacoli.

leggi anche
Generico aprile 2021
L'episodio
Multa da 5mila euro al venditore di fazzoletti di Corvetto: scatta la raccolta fondi di solidarietà