Sampierdarena

“La politica uccide i quartieri”: striscione di protesta nel cantiere di Esselunga a San Benigno

La contestazione prosegue le polemiche sulle nuove aperture della grande distribuzione

Genova. E’ la politica che uccide i quartieri, basta ipermercati“. Questo lo striscione di protesta comparso oggi sulle grate del cantiere di San Benigno, dove sorgerà il nuovo supermercato Esselunga.

A metterlo alcuni residenti del territorio, che a Genova24 hanno spiegato il gesto: “Una certa politica, una certa gestione dei territori, e certe scelte danneggiano profondamente i quartieri, senza riqualificarli. Questa è la politica dei supermercati, dove il territorio è visto solamente come fonte di profitto”.

La protesta “sul campo” prosegue quella che in questi anni sta accompagnando il progetto: l’arrivo della nota catena di distribuzione alimentare ha di fatto spaccato in due l’opinione pubblica cittadina, ma è il tessuto commerciale genovese a ribollire maggiormente per le ultime aperture e gli ultimi assensi dell’amministrazione civica di nuovi spazi dedicati i supermercati (a prescindere dal marchio), come a Quarto, nel centro storico e l’ex Mercato del Pesce.

leggi anche
  • Il progetto
    Ex mercato del pesce, commercianti e associazioni sul piede di guerra: “No a un altro supermercato”
  • Si farà
    Supermercato in via Carrara, via libera del consiglio comunale: approvata la variante al Puc
  • Il commento
    Supermercato di via Carrara, Confesercenti: “Non un semplice trasferimento, ma un’altra moltiplicazione della superficie di grande distribuzione”
  • Urbanistica
    Piazza Soziglia, in arrivo supermercato: via libera di Comune e Soprintendenza
  • Il test
    Esselunga “ruba” clienti ai negozi di quartiere? La risposta di chi va a farci la spesa