Commento

Incidente sul lavoro a Principe, Pci: “Non si può andare avanti così”

"Quello accaduto oggi non deve e non può rimanere un episodio come tanti, servono diritti e sicurezza per tutti i lavoratori"

Genova. “Un altro tragico infortunio sul lavoro, quest’oggi, nei pressi della stazione di Piazza Principe, che ha visto coinvolto un lavoratore al quale auguriamo una stabilizzazione delle condizioni di salute ed una pronta ripresa”, così inizia una nota del Partito Comunista Italiano – federazione di Genova sui fatti accaduti stamani.

“L’ennesimo infortunio sul quale, come Partito Comunista Italiano, chiediamo venga riposta attenzione e, a tal proposito, si approfondisca riguardo la situazione dei lavoratori di ditte in appalto nel settore ferroviario; non può andare avanti così!

Occorre regolamentare ed aver la possibilità di vigilare realmente sulle condizioni a cui sono sottoposti i lavoratori delle ditte private all’interno dei cantieri di questo settore, e non solo.

Orari di lavoro interminabili, tutele sindacali inesistenti (vista la natura instabile ed itinerante dei cantieri stessi) condizioni di sicurezza a dir poco insufficienti, dove parrebbe che in alcune ditte, in caso di infortunio, qualche sfruttatore, obblighi i lavoratori a non denunciare l’accaduto, a fronte dell’irregolarità delle ditte stesse sulle elementari norme lavorative.

Gli incidenti che coinvolgono i cosiddetti “lavoratori di serie b” è in costante aumento, nonostante non ne parli nessuno. Ormai anche la vita umana è considerata in base ai numeri, e se si appartiene a una ditta privata, spesso, si rischia di non rientrare nemmeno nel tragico conteggio degli infortuni “degni di interesse”.

Quello accaduto oggi non deve e non può rimanere un episodio “come tanti”, servono diritti e sicurezza per tutti i lavoratori.

Il PCI, pretende eguali diritti per tutti i lavoratori ed indagini sulla gravità in cui riversa il settore degli appalti auspicando si comprenda, presto, la necessità di tornare alla fondamentale nazionalizzazione dei settori strategici”, conclude la nota.

Anche il Pd di Genova ha commentato l’accaduto: “Esprimiamo preoccupazione e vicinanza alla famiglia dell’operaio ferito gravemente questa mattina nel cantiere del raddoppio del nodo ferroviario e ci auguriamo che le sue condizioni migliorino. La sicurezza sul lavoro è una condizione imprescindibile in ogni contesto, senza la quale non può esistere una seria politica di sviluppo e crescita”.

leggi anche
  • Codice rosso
    Incidente sul lavoro a Principe, grave un operaio schiacciato da una bobina