Quantcast
Polemica

Il sindacato degli infermieri: “Basta gogna mediatica su chi ha rifiutato il vaccino”

Boccone (Nursing Up): "Al San Martino anche 512 infermieri risultati positivi, scorretto definirli no-vax"

Generica

Genova. Basta “gogna mediatica” sugli infermieri che hanno deciso di non vaccinarsi contro il coronavirus. È la presa di posizione di Enrico Boccone, segretario ligure del sindacato Nursing Up, dopo il caso del cluster di coronavirus all’ospedale San Martino e le dichiarazioni rilasciate ieri a Genova24 dal direttore generale del policlinico Salvatore Giuffrida secondo cui ci sono 400 infermieri che non hanno aderito alla campagna.

“Ci preme ancora una volta sottolineare che definire no vax chi non si è ancora sottoposto a vaccinazione è quanto di più fuorviante e strumentale ci sia in un momento così delicato – scrive il sindacato degli infermieri -. Questo tipo di comunicazione sta alimentando una campagna di gogna mediatica nei confronti di colleghi che non hanno certamente la visibilità destinata ad altri personaggi ormai diventati ‘pubblici’, perché sempre più spesso oggetto di interviste televisive o attenzioni da parte della carta stampata”.

“Nelle dichiarazioni sui 400 infermieri ancora non vaccinati si omette un dato fondamentale – spiega Boccone – ovvero quello dei 512 infermieri risultati positivi al tampone da agosto 2020 a fine febbraio 2021, corrispondente a poco meno del 50% del numero totale di dipendenti contagiati nel periodo di riferimento nell’intero policlinico. Ancora una volta, gli infermieri risultano essere la categoria maggiormente esposta e quella a pagare il prezzo più alto. La maggior incidenza dei contagiati è riferita ai mesi che vanno da ottobre a metà gennaio”.

Come ricorda Nursing Up, le indicazioni dell’Oms “prevedono che in presenza di scorte limitate di vaccini”, le persone positive “nei sei mesi precedenti, possano scegliere di ritardare la vaccinazione fino alla fine di questo periodo“. Indicazioni che sono arrivate anche dal ministero della Salute in una recente circolare.

“Alla luce di quanto esposto ci chiediamo come avrebbero potuto vaccinarsi la maggior parte di quei 512 positivi, non essendo ancora trascorsi i 6 mesi raccomandati. Ci chiediamo inoltre – precisa Boccone – come possa essere stato lasciar intendere da qualcuno, che la collega non vaccinata potrebbe in qualche modo essere causa del cluster Covid del reparto di pneumologia, quando ci risulterebbe esserci almeno un altro collega (forse anche più di uno) positivo e sottoposto in precedenza a vaccino. Va considerato, inoltre, che il datore di lavoro non può e non deve conoscere la situazione vaccinale dei propri dipendenti perché solo il medico competente è tenuto a conoscerla.

“Ribadiamo il concetto: la maggior parte degli infermieri ha aderito con entusiasmo alla campagna vaccinale, chi ancora non si è vaccinato, lo ha fatto per motivi legati alla propria salute o, nella maggior parte dei casi, perché la vaccinazione non era raccomandata non essendo ancora trascorsi i termini sopra esposti”, sostiene Nursing Up.

Il sindacato “chiede, pertanto, che si attivino al più presto nel policlinico San Martino tamponi periodici a tutto il personale, anche a quello vaccinato, essendo oramai dimostrato che, seppur in un numero limitato di casi, è possibile contagiarsi anche se sottoposti in precedenza a vaccinazione, nonché a dosaggi periodici del quantitativo delle immunoglobuline. Ci auguriamo – conclude il segretario Boccone – di aver fatto chiarezza una volta per tutte e di non assistere mai più a teatrini mediatici con posizioni che, a nostro giudizio, minano la credibilità dei professionisti impegnati ogni giorno a combattere questa battaglia epocale, nonché dell’intero sistema salute del nostro Paese”.

leggi anche
Generica
Dibattito
Il direttore del San Martino: “Da noi 400 infermieri no-vax, impossibile toglierli dai reparti”
Nuovo blocco operatorio ospedale San Martino
Aggiornamento
Coronavirus, sale il numero dei positivi per il cluster del San Martino: “Tamponi ogni 24h”
Generica
Rabbia
Lo sbotto di Bassetti dopo il cluster al San Martino: “Fuori dagli ospedali i sanitari no vax”
Generica
Contagiati
Coronavirus, cluster di variante inglese al San Martino: positiva un’infermiera no-vax
Generica
Riorganizzazione
Vaccino AstraZeneca, chi aveva già prenotato potrà farlo dalla prossima settimana
Generica
Sviluppi
Morto nel reparto dell’infermiera no-vax al San Martino, ora si indaga per omicidio colposo
Generica
Incertezza
Vaccino obbligatorio, il sindacato degli infermieri: “Chi lo rifiuta non deve perdere il lavoro”