Battaglia vinta

Covid, in Liguria circoli equiparati ai bar: potranno fare asporto e consegne a domicilio

Ecco cosa prevede la nuova ordinanza regionale firmata da Toti

Genova. D’ora in avanti in Liguria anche i circoli culturali potranno vendere cibo e bevande d’asporto fino alle 18 ed effettuare consegne a domicilio senza limiti di orario, venendo parificati di fatto a bar e locali. Lo prevede l’ordinanza firmata questa sera dal presidente ligure Giovanni Toti.

L’ordinanza sarà valida solo in zona gialla o arancione fino al termine dell’emergenza epidemiologica e riguarderà “centri culturali, sociali e ricreativi che effettuano attività di ristorazione e somministrazione”.

Sia l’asporto che la consegna a domicilio potranno essere effettuati “esclusivamente a favore dei rispettivi associati (o loro famigliari o facenti parte della medesima organizzazione”. Per l’asporto andrà sempre rispettato il divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Nelle scorse settimane erano state numerose le mobilitazioni, in particolare dell’Arci, per ottenere la possibilità di lavorare con l’asporto, “per mitigare il tremendo impatto economico che oggi stanno subendo, al pari di tutti i pubblici esercizi”.

Più informazioni
leggi anche
  • La richiesta
    Coronavirus, Arci protesta sotto la Regione: “Asporto anche per i circoli”
  • L'emendamento
    Circoli parificati a bar e ristoranti, arriva il via libera della Camera. L’Arci: “Cancellata una discriminazione”
  • Progressione
    Coronavirus, il governo pensa alla zona gialla rafforzata per ripartire dopo Pasqua