La risposta

Coronavirus, Toti: “Anche con 20 assessori avrei mantenuto la delega alla sanità”

"È il compito che i cittadini danno col loro voto, sedersi sulla sedia più scomoda del momento”

Genova. Cedere la delega alla sanità e nominare un assessore? “Anche se avessi avuto 20 assessori mi sarei assunto l’onore e l’onere che abbiamo chiesto a Draghi, guidare il Paese in piena pandemia. È il compito che i cittadini danno col loro voto, sedersi sulla sedia più scomoda del momento”.

È la risposta del presidente ligure Giovanni Toti alle opposizioni che oggi, durante la seduta monotematica del Consiglio regionale sulla campagna vaccinale, gli hanno consigliato in coro di delegare la gestione della pandemia a un’altra figura, parlando di “fallimento della sanità” e mettendo in luce gli “inaccettabili ritardi” della Liguria rispetto alle altre regioni.

È come sentire qualcuno che dice a un ammiraglio di farsi da parte, lasciare il comando al secondo o al terzo ufficiale, prendere una scialuppa e mettersi in salvo mentre la nave affonda”, stigmatizza Toti, difendendo la scelta assunta all’inizio della legislatura.

Ho sentito un approccio un po’ propagandistico che ci sta, ma non credo che ricalchi quello che dovrebbe essere lo spirito di questa campagna vaccinale e del paese – ha detto Toti rispondendo alle critiche sollevate da Pd, M5s, Linea Condivisa e Lista Sansa – Ho sentito affermazioni talvolta false e parziali, numeri che non sono attinenti al vero. Se è vero che la Liguria è al 71% per dosi somministrate sulle consegnate, siamo al 90% per quanto riguarda i vaccini freeze ma molto più indietro con le dosi AstraZeneca, e una ragione organizzativa c’è. Non ho sentito dire che la Liguria è l’ottava regione per vaccinati sul totale dei residenti, e ci siamo fatti carico pure dei residenti temporanei. La Toscana è prima per il personale scolastico, ma oggi risulta l’ultima per gli ultraottantenni”.

So dove abbiamo sbagliato e dove abbiamo fatto bene – ha proseguito Toti -. Sparpagliare squadre nei piccoli comuni è servito per assecondare il territorio ed evitare spostamenti ma ci ha fatto perdere efficienza. Stiamo recuperando oggi con la creazione di hub. L’accordo coi medici di medicina generale l’avrei fatto molto diversamente, chiedendo di prestare il loro lavoro attraverso un sistema pubblico in hub pubblici, ma la loro categoria non risponde a una gerarchia generale”.

leggi anche
  • Attacco
    Vaccino Covid, l’opposizione a Toti: “Cambi subito il piano e nomini un assessore alla sanità”
  • Proposte
    Vaccini, Garibaldi (Pd) attacca il modello ligure: “Uno su tre non viene somministrato”
  • Idea
    Covid, la proposta di Sansa: “Vaccinare anche stranieri e migranti senza tessera sanitaria”