Lockdown con chi puoi

Coronavirus, Liguria blindata a Pasqua: cosa si può fare nei tre giorni di zona rossa

Consentita la grigliata di Pasquetta, ma con un massimo di due ospiti. Niente gite e pic nic

Genova. Sarà una Liguria blindata quella che si appresta a passare una seconda Pasqua in lockdown: come il resto del paese da sabato scatterà la zona rossa, ma già da mercoledì sarà vietato raggiungere le seconde case liguri per chi ligure non è. Un provvedimento che al momento è stato preso solamente da Valle d’Aosta, Toscana, Sardegna, Trentino e Campania, tutte regioni dal forte richiamo turistico, ma che hanno qualche difficoltà con i numeri della pandemia.

Non varrà, però, il divieto al contrario: i liguri potranno raggiungere le proprie seconde case (sia di proprietà sia in affitto con contratto stipulato prima del 14 gennaio 2021) in tutte quelle regioni che non hanno previsto una normativa più stringente di quella prevista dal governo. Via libera per le case per esempio in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e in tutte quelle regioni che, al momento, non hanno preso decisioni differenti. Sono esclusi tutti tutti gli altri titoli di possesso o godimento del bene successivi al 15 gennaio comprese le locazioni breve. La titolarità potrà essere comprovata anche tramite autocertificazione ma che sarà sottoposta a verifiche.

Ma la zona rossa porterà, o meglio, riporterà, tutta una serie di restrizioni e limitazioni pensate per evitare assembramenti e possibilità di nuovi contagi, che con i numeri di questi giorni potrebbero creare non poche difficoltà al nostro sistema sanitario, al momento in situazione non di allarme, ma sempre sotto pressione.

Visite ai parenti o amici

Grazie ad una deroga pensata dal governo per questa zona rossa, nei giorni di Pasqua si potranno fare visite a parenti o amici ma con queste regole: solo all’interno della propria regione, ci si potrà spostare verso una sola abitazione privata, una sola volta al giorno, con il limite di due persone in più rispetto a quelle che vivono in quella casa. Esclusi dal conteggio, come di consueto, i minori di 14 anni, disabili e non autosufficienti che dunque potranno muoversi insieme ai due over 14. La visita deve avvenire entro il coprifuoco: dalle 5 alle 22.

Barbecue a casa, sul balcone o in giardino

Sempre osservando le misure anti contagio (quindi il tetto massimo di persone invitate) non sono previsti divieti particolari per la più diffusa tradizione del lunedì dell’angelo, quella della grigliata di Pasquetta. Ovviamente per chi dispone di un balcone, deve verificare che non ci siano particolari divieti posti dal condominio o dal comune di residenza. Per quanto riguarda il comune di Genova il divieto non sussiste, se non nei parchi pubblici.

Gite, pic nic e attività all’aperto.

Sono consentite le attività sportive o motorie durante la zona rossa, ma non sono consentiti i pic nic e le gite di gruppo considerate quelle che prevedono una sosta con consumo di un pranzo. Anche l’attività motoria è comunque consentita nei pressi della propria abitazione, in forma abituale e all’interno del proprio comune. Tuttavia, nello svolgimento di un’attività sportiva che richieda uno spostamento è possibile entrare in un altro Comune, purchè tale spostamento sia funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il comune di partenza. Possibile portare i figli al parco giochi.

Messe e celebrazioni

Le chiese resteranno aperte e verranno celebrate più funzioni per evitare assembramenti. La veglia del sabato sarà anticipata per rispettare il lockdown e le restrizioni per il coprifuoco. Come da un anno a questa parte i fedeli dovranno esser distanziati e non scambiarsi il “segno di pace”.

Bar e ristoranti chiusi, supermercati aperti

Durante il periodo di zona rossa possono restare aperti solo i negozi che vendono alimentari e i supermercati, oltre alla farmacie e ai negozi di prima necessità. In zona rossa sono vietati gli spostamenti verso altro comuni, salvo che per specifiche esigenze o necessità, come fare spesa, laddove nel proprio comune non esistano negozi dove rifornirsi di alimentari o di generi di prima necessità. Chiusi i centri commerciali, i parrucchieri, i centri estetici e gli altri negozi che non vedono cibo. Come è noto, però, in zona rossa, sono chiusi al pubblico bar e ristoranti: per i bar è consentito l’asporto fino alle 18, per enoteche e ristoranti fino alle 22. Bevande e cibo non possono essere consumate nelle vicinanze del locale.

leggi anche
  • Stretta
    Coronavirus, Toti chiude le seconde case in Liguria durante le vacanze di Pasqua
  • Bollettino medico
    Coronavirus, terapie intensive sopra soglia di attenzione. Sono 337 i nuovi casi con incidenza al 12,8%
  • Progressione
    Coronavirus, il governo pensa alla zona gialla rafforzata per ripartire dopo Pasqua
  • Il commento
    Coronavirus, Toti: “Dopo Pasqua riaprire tutto, a partire dalle scuole”
  • Rabbia
    Stop alle seconde case, Confedilizia: “Ordinanza Toti un disastro, facile governare vietando”
  • Buoni segnali
    Turismo, voglia di estate in Liguria: prime prenotazioni in riviera (e si rivedono gli stranieri)
  • Il punto
    Covid, in Liguria incidenza sotto la soglia da zona rossa. Toti: “Sul Ponente decidiamo domani”
  • Blindati
    Pasqua ‘rossa’: anche gli elicotteri contro gli assembramenti. Controlli e regole per Genova in lockdown