Coronavirus, in Liguria Rt 1,08: da lunedì torna in zona arancione per due settimane - Genova 24
Misura

Coronavirus, in Liguria Rt 1,08: da lunedì torna in zona arancione per due settimane

Solo asporto e delivery per ristoranti e bar. Toti: "Paghiamo ancora l'incidenza molto alta nel Ponente ligure"

Generica

Genova. La salita oltre l’1 dell’indice Rt, quello che dà il metro della velocità di contagio, è alla base del passaggio della Liguria in zona arancione a partire da lunedì e per due settimane. L’indice relativo alla settimana presa in esame dal ministero della Salute è infatti attorno all’1,08.

A confermarlo è il presidente Giovanni Toti su Facebook: “Si sta per concludere la seconda settimana in cui la Liguria è rimasta in zona gialla, nelle prossime ore attendiamo da Roma la decisione sulla nuova collocazione. Il nostro Rt è salito e oscilla attorno all’1,08, il che dovrebbe riportarci in fascia arancione, anche se l’occupazione dei letti in terapia intensiva e la disponibilità di posti negli ospedali sono sotto controllo”.

Questo nonostante l’abbassamento dei casi nell’imperiese – le misure della Regione Liguria hanno fatto effetto ma ormai troppo tardi – e nonostante la situazione negli ospedali (posti letto a media o alta intensità) sia ancora sotto controllo.

“Purtroppo – ha proseguito Toti – paghiamo ancora l’incidenza che era molto alta nel Ponente ligure: con le misure restrittive che abbiamo applicato i dati sono migliorati ma purtroppo la diffusione del virus negli scorsi giorni ha influenzato il nostro Rt. La Liguria resta comunque tra le regioni che meglio stanno combattendo il Covid: la scorsa settimana eravamo gli unici in zona gialla, circondati da regioni in zona arancione, ora potremmo passare in arancione mentre le altre rischiano la zona rossa e questo dimostra ancora una volta che le nostre misure, mirate, solo dove serve, stanno funzionando. Così come la decisione di far tornare precauzionalmente le scuole alla didattica a distanza: i dati evidenziano che il numero di classi in quarantena nella nostra regione nella prima settimana di marzo è triplicato rispetto allo stesso periodo del mese precedente e speriamo che con queste misure lungimiranti la curva torni a decrescere”.

Dopo due settimane di giallo, dunque, domani sera – venerdì – arriverà la comunicazione ufficiale mentre per l’ordinanza che la certificherà bisognerà attendere sabato.

Cosa cambia con il passaggio alla zona arancione. Le chiusure per bar e ristoranti anche a pranzo. Chiusi anche i musei. Con la zona arancione bar e ristoranti sono chiusi per la consumazione sul posto, ma restano aperti per l’asporto dalle 5 alle 22. I locali classificati come “bar e altri esercizi simili senza cucina” (codice Ateco 56.3) e “commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati” (codice Ateco 47.25) non possono effettuare vendita d’asporto dopo le 18. La consegna a domicilio è consentita in tutti gli orari. Restano aperti i punti ristoro lungo le autostrade, in stazioni, aeroporti e terminal marittimi oltre che i ristoranti degli alberghi, solo per i clienti che vi alloggiano. Tornano a chiudere i musei che, in zona gialla, potevano restare aperti durante i giorni feriali.

Restano chiusi anche piscine, palestre, impianti sportivi al chiuso. I centri sportivi sono accessibili per l’attività individuale all’aperto. Chiudono nuovamente i musei, che invece potevano aprire in zona gialla, e restano chiusi teatri e cinema. Sono sospesi gli eventi fieristici e congressuali.

Zona arancione, quando si può uscire dal proprio comune

La misura principale della zona arancione è il divieto di spostamento dal proprio comune di residenza, ma esistono diverse eccezioni. È consentito uscire dal proprio comune:

– per ragioni di necessità, studio, lavoro o salute compilando il modulo di autocertificazione (scaricalo qui)
– se si abita in un comune con meno di 5mila abitanti per spostarsi entro un raggio di 30 chilometri, ma in ogni caso è vietato raggiungere i capoluoghi di provincia
– per svolgere attività sportiva, ma esclusivamente per questo motivo, e comunque terminando lo spostamento nel comune di partenza
– per raggiungere la propria seconda casa, anche fuori regione (questo è ciò che è emerso ieri dalle agenzie di stampa, ma il governo non si è ancora pronunciato con le Faq).

Si ricorda che è sempre in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5, violabile solo con una valida autocertificazione per ragioni di necessità, studio, lavoro o salute.

Seconde case. Come chiarito da diverse settimane, è sempre possibile raggiungere una seconda casa, anche in un’altra regione a prescindere dal colore, a patto che si tratti di un’abitazione di cui si possa dimostrare la proprietà o l’affitto antecedente al 14 gennaio, e che a spostarsi sia solamente il nucleo familiare. Dunque non è possibile invitare amici o altri parenti

Visite a parenti o amici. È sempre in vigore la limitazione agli spostamenti verso abitazioni private, che vale a prescindere dal colore della regione. È consentito visitare una sola casa abitata, una volta al giorno all’interno del proprio comune, massimo due persone (non si contano minori di 14 anni e conviventi disabili/non autosufficienti). Se ci sono ragioni di necessità (ad esempio assistere un parente disabile) non ci sono limitazioni agli spostamenti, basta compilare l’autocertificazione in caso di controlli.

leggi anche
Generica
In bilico
Coronavirus, Toti: “Siamo a cavallo tra zona gialla e arancione, ce la giocheremo all’ultimo”
ambulanza covid san martino coronavirus pronto soccorso contagio ricovero
Bollettino
Coronavirus, 405 nuovi casi in Liguria: terapie intensive verso la soglia di guardia
polizia stradale casello savona
Tutti a casa?
Coronavirus, verso Pasqua in lockdown: zona rossa nazionale dal 3 al 5 aprile
Giovanni Toti
Critiche
Coronavirus, Toti: “Nel decreto Pasqua chiusure uguali per tutti, così non si aiuta l’Italia”
Generica
Dad 100%
Coronavirus, Liguria in zona arancione: Toti conferma la chiusura delle scuole superiori