Coronavirus, 248 nuovi casi in Liguria: oggi somministrate oltre 5300 dosi di vaccino - Genova 24
Bollettino

Coronavirus, 248 nuovi casi in Liguria: oggi somministrate oltre 5300 dosi di vaccino

Sono nove le persone decedute registrate oggi dal bollettino. Crescono lievemente i ricoveri ma non le terapie intensive

Nuovo ambulatorio per tamponi rapidi in Valpolcevera

Genova. Sono 248 i nuovi casi positivi al coronavirus registrati oggi dal bollettino di Alisa/Regione per il ministero della Salute. Il dato è riferito a 4620 tamponi molecolari effettuati. Il tasso di positività rispetto ai tamponi molecolari è dunque pari a 5,19%, mentre se si calcolano anche i tamponi rapidi antigenici (oggi 2600) il tasso è di 3,4%.

Dei nuovi positivi, 127 sono riconducibili alla provincia di Genova (102 sotto la Asl 3 genovese e 25 sotto la Asl 4 del Tigullio), 66 sono relativi alla provincia di Imperia, 37 a quella di Savona e 18 allo spezzino.

Al momento in Liguria sono quindi 6251 i casi di covid-19 attivi, di cui 2966 nel territorio della provincia di Genova.

Sono 9 le persone decedute registrate oggi dal bollettino: si tratta di morti avvenute negli ultimi tre giorni. Il paziente più giovane aveva 77 anni.

Aumenta di 6 unità il numero di ricoveri in ospedale, sono in totale 583, ma cala di uno il numero delle terapie intensive occupate (al momento 62). La soglia di attenzione è attorno ai 70 posti letto di rianimazione occupati.

I guariti sono 298, sia per doppio tampone negativo sia perché trascorsi 21 giorni dagli ultimi sintomi, mentre le persone le persone positive ma in quarantena a casa, perché con sintomi non gravi o asintomatici, sono 5347, 25 meno di ieri. In sorveglianza attiva 6310 liguri.

Per quanto riguarda la campagna di vaccinazione, nelle ultime 24 ore sono state somministrate 911 dosi di Astrazeneca e 4392 di Pfizer/Moderna, quindi 5303 in totale. Al momento Alisa ha somministrato il 67% delle dosi a disposizione.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Scontro
Vaccino Covid, 3.600 prenotazioni coi medici di famiglia. Toti: “Scandaloso chi non risponde”