Appello

Chiusura A7, i Comuni della valle Scrivia scrivono alle istituzioni, Sanna (Pd): “Prevedano almeno esenzioni”

"Le attuali misure di compensazione non sono sufficienti"

Generica

Genova. L’Unione dei comuni della valle Scrivia ha scritto una lettera al ministro dei Trasporti, al prefetto e a tutte le istituzioni.

“Le problematiche relative ai lavori e alle chiusure della tratta autostradale A7-Genova Milano e le conseguenti gravi ripercussioni alla circolazione e alla mobilità locale stanno gravando sul tessuto socio-economico dell’entroterra ligure.  Molte di queste situazioni sembrano figlie di una programmazione poco lungimirante, e incurante della quotidianità di centinaia di migliaia di cittadini che vivono ormai l’inferno quotidiano della viabilità ligure”.

Armando Sanna, consigliere regionale del Pd commenta: “Da mesi sollecito chiarezza da parte di Autostrade. La chiusura della galleria Monte Galletto, i cui lavori vanno avanti da dieci anni, senza un’effettiva trasparenza sulla progettualità, è solo l’ultimo di una lunga serie di gravi disagi che stanno mettendo in ginocchio i territori e a rischio il processo produttivo. Una situazione che stanno pagando i cittadini in primis e i comuni a seguire. Le amministrazioni locali come sempre vengono poco considerate, lasciate sole a gestire i disagi. Sto chiedendo da tempo l’esenzione per quelle tratte autostradali al centro di cantierizzazioni e pericolo. Le attuali misure di compensazione non sono sufficienti, a causa del traffico pesante che puntualmente manda in tilt la viabilità ordinaria lasciando, come detto, il fardello alle amministrazioni locali. Dopo i tavoli fra Regione e soggetti coinvolti, è arrivato il momento di dare delle risposte concrete e immediate. Questa situazione non è più sostenibile”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.