Campionato del mondo di pesto al mortaio, il concorrente più lontano "pesta" da Honolulu - Genova 24
Edizione digitale

Campionato del mondo di pesto al mortaio, il concorrente più lontano “pesta” da Honolulu

La Camera di Commercio ha deciso di dare un riconoscimento speciale a Silvano Savio, che ha pestato a 2500 metri di altezza

liguria eccellenze pesto olive pesto

Genova. Sono tre i premi e i riconoscimenti di questa edizione digitale del Campionato del mondo di pesto al mortaio, in programma sabato alle 10 in edizione digitale. Il più ricorrente, che si ritrova ad ogni edizione, è rappresentato dalla targa che l’associazione culturale genovese “A Compagna” riconosce a chi arriva alla gara finale da più lontano, quest’anno, data l’edizione straordinaria viene data “chi pesta da più lontano”. È stata conferita a Craig Wales classe 1953, nato alle Hawaii e residente a Honolulu che di mestiere fa il “travel photographer”. Nella sua galleria di foto artistiche da tutto il mondo non manca la piccola baia di Boccadasse, da qui probabilmente il suo amore per il pesto.

La Camera di Commercio ha deciso di dare un riconoscimento speciale a Silvano Savio, uno dei 25 concorrenti che partecipa a questo campionato in differita e ha inviato come richiesto il filmato a prova della sua partecipazione all’evento. Silvano Savio fa parte di un’agguerrita delegazione delle Dolomiti Agordine e ha prodotto un pesto ineccepibile con gli ingredienti canonici a 2500 metri di altezza, sui campi da sci che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2026. Al momento è il record assoluto del pesto al mortaio più alto al mondo!

L’evento collaterale più importante di questa edizione del campionato è la premiazione del vincitore del Concorso “Pestochampionship Mascotte” organizzato dal Comune Genova.

Sarà l’assessore al Commercio e ai Grandi Eventi Paola Bordilli a svelare il nome del vincitore e a consegnare il premio di 2500 euro. I partecipanti sono stati 161 e avevano l’obiettivo di inventare un personaggio in grado di generare una forte empatia, come fa il pesto genovese quando di gusta in compagnia. “La Mascotte del Campionato – dice Paola Bordilli – rafforzerà la comunicazione di un evento sempre più riconosciuto come un ambasciatore delle eccellenze genovesi e diventerà il testimonial della promozione del Pesto in Italia e all’estero”.