Iniziativa

Autostrade: dopo multa Antitrust, Assoutenti lancia class action per automobilisti liguri

Tutti gli utenti che utilizzano la A26, A7, A10 E A12 possono chiedere la restituzione delle maggiori somme pagate per i pedaggi

Genova. Dopo la multa da 5 milioni di euro inflitta dall’Antitrust ad Autostrade per l’Italia per pratiche commerciali scorrette, Assoutenti lancia in Liguria una class action riservata agli automobilisti della regione che utilizzano le tratte autostradali coinvolte nel provvedimento dell’Autorità.

La decisione dell’Antitrust coinvolge in regione l’A/26 Genova Voltri-Gravellona Toce, l’A/7 Milano-Serravalle-Genova, l’A/10 Genova-Savona-Ventimiglia e l’A/12 Genova-Rosignano, tratte per le quali Autostrade non avrebbe provveduto a ridurre i pedaggi a fronte di costanti disservizi e disagi ai consumatori in termini di code, rallentamenti, tempi di percorrenza – spiega Assoutenti – Il provvedimento dell’Autorità per la concorrenza apre ora la strada ai risarcimenti in favore degli utenti dei servizi autostradali, poiché riconosce un ingiusto arricchimento della società che non ha ridotto i pedaggi in quelle tratte afflitte da criticità.

“Stiamo studiando la fattibilità di una class action contro Autostrade per l’Italia alla quale potranno aderire tutti gli automobilisti della Liguria che hanno usufruito delle tratte oggetto di provvedimento dell’Antitrust – spiega il presidente Furio Truzzi – Azione finalizzata a far ottenere agli automobilisti il rimborso delle maggiori somme pagate a causa della mancata riduzione dei pedaggi, e con la quale chiederemo inoltre di incrementare la sicurezza in favore degli utenti e ridurre al minimo i disagi in quelle tratte oggetto di lavori e cantieri, il cui attraversamento si trasforma in una odissea per gli automobilisti, e dove spesso si registrano incidenti anche mortali”. Tutti gli interessati possono inviare da oggi una mail all’indirizzo nessunoescluso@assoutenti.it e riceveranno aggiornamenti e informazioni sulla class action di Assoutenti.

Un incontro urgente con il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. A chiederlo le associazioni della Consulta ligure dei consumatori, dopo il caso della multa Antitrust ad Autostrade per l’Italia.
“Tutte le associazioni dei consumatori aderenti alla Consulta esprimono preoccupazione per le condizioni delle autostrade liguri, anche alla luce di quanto rilevato dall’Antitrust – spiega il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi – La situazione delle infrastrutture autostradali della regione riguarda in modo diretto gli utenti, sia sul fronte economico, quello dei pedaggi, che su quello della sicurezza. Riteniamo non ci sia un minuto in più da perdere e siano indispensabili contromisure da parte della regione per garantire i diritti di chi utilizza i servizi di Autostrade per l’Italia”.

“Per tale motivo chiediamo un incontro urgente al presidente Toti e agli assessori regionali Berrino, Ferro e Giampedrone, volto a confrontarsi sulle misure da intraprendere per migliorare la sicurezza e la qualità del servizio autostradale, anche in vista della stagione estiva che potrebbe registrare la ripartenza del turismo in regione” – conclude Truzzi.

leggi anche
  • Decisione
    Autostrade, dall’Antitrust 5 milioni di multa per non aver ridotto i pedaggi con i cantieri
  • Difesa
    Autostrade dopo la multa Antitrust: “Noi unici ad aver azzerato i pedaggi e non eravamo obbligati”
  • Attacco
    Berrino: “Autostrade pericolose, impensabile che il turismo riparta con questa situazione”
  • Cantieri
    Autostrade, Assoutenti: “Bene proposta cashback per i disagi, ora tavolo urgente per definire indennizzi”