Aspettando la "Storia in Piazza" 2022: nove incontri di avvicinamento all'evento - Genova 24
Il racconto

Aspettando la “Storia in Piazza” 2022: nove incontri di avvicinamento all’evento

Sedi istituzionali e palazzi del governo

Genova. Raccontare la storia è il tema che verrà ampiamente affrontato dalla rassegna la Storia in Piazza che, a causa della pandemia slitta di un altro anno. Infatti, per l’undicesima edizione della rassegna che ogni anno porta al Ducale oltre venticinquemila presenze dovremo attendere il 2022: dal 31 marzo al 3 aprile.

Nel lungo cammino che ci aspetta fino ad allora, Palazzo Ducale propone una serie di conferenze con lo scopo di avvicinare il pubblico al senso più ampio della narrazione della storia, non più di soli conflitti e guerre, eventi politici, scontri e giochi di potere, ma come scrive Luciano Canfora, curatore del festival, “Raccontare la storia ha infranto l’antico tabù secondo cui il racconto della storia è soprattutto se non unicamente il racconto della guerra, dei conflitti, delle «sofferenze degli uomini», come dice Omero. Ma ormai da tempo quel territorio si è dilatato: si può raccontare anche la pace, il progresso delle scienze, l’incivilimento, la difficile convivenza dell’uomo con la natura e così via. Se dunque si è alfine compreso che tutto è storia, ne consegue che raccontare la storia è la più umana e la più comprensiva delle creazioni dell’uomo”

 “Per le ragioni che tutti comprendono la rassegna è stata ulteriormente posticipata – continua Canfora – ma intanto vogliamo tener vivo il nostro intento di divulgare la conoscenza della Storia. Questo è il nostro impegno civile: non possiamo né vogliamo venirvi meno. Nasce così il seguente e agguerrito calendario che riguarda tematiche riconducibili al tema generale: Raccontare la Storia. Campeggia la scadenza dantesca ma non abbiamo trascurato l’attualità vivente e il problematico concetto di verità”.

Inoltre, la sezione didattica di Palazzo Ducale organizza diversi incontri, anch’essi in streaming, dedicati alle scuole per affrontare il tema del “Raccontare la storia”.

L’obiettivo è sempre quello di ragionare sulla storia in senso trasversale e multidisciplinare e stimolare i ragazzi alla riflessione critica. Per questo verranno forniti in anteprima materiali di approfondimento – eventuali spunti bibliografici, video, link – perché gli studenti possano partecipare con maggiore consapevolezza e durante gli incontri sarà attivata una chat per porre domande e interloquire con i relatori. Collaterali alla rassegna, anche tre opportunità di formazione per docenti.

I nove incontri anticipatori cha avranno luogo a partire da maggio fino a novembre 2021:

 

27 maggio h 18.30

Alessandro Barbero

La vita politica di Dante nella reinvenzione della Commedia

Alessandro Barbero insegna Storia medievale presso l’Università del Piemonte Orientale. Collabora con il quotidiano La Stampa e con RaiStoria

 

8 giugno h 18.30

Franco Cardini

Oriente e Occidente: incontro e/o scontro

Franco Cardini è Professore Emerito dell’Istituto Italiano di Scienze Umane alla Scuola Normale Superiore di Pisa

15 giugno h 18.30

Corrado Augias

Questi nostri caotici giorni

Corrado Augias è giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano

22 giugno h 18.30
Carlo Ossola

Dante: storia di un nome mal pronunciato

In collaborazione con Incipit Festival Genova 2021

Carlo Ossola è filologo e critico letterario. Professore di letterature moderne al Collège de France e direttore dell’Istituto di Studi Italiani di Lugano

13 luglio h 18.30

Luciano Canfora

Raccontare la verità

Luciano Canfora è professore emerito dell’Università di Bari, dirige i «Quaderni di storia» e collabora con il «Corriere della Sera»

24 settembre h 18.30
Melania G. Mazzucco

Storia e biografia

Melania G. Mazzucco è scrittrice, autrice per il cinema, il teatro e la radio. Collabora con «la Repubblica», i suoi romanzi sono tradotti in 28 Paesi

 19 ottobre h 18.30

Giovanni De Luna
Cinema Italia, la storia raccontata dal film

Giovanni De Luna è docente di Storia contemporanea all’Università di Torino. Ha collaborato alla «Stampa» e a «Tuttolibri» ed è autore di varie trasmissioni radiofoniche e televisive

4 novembre h 18.30

Giovannella Cresci Marrone

Donne romane: modelli, ruoli e quattro microstorie

Giovannella Cresci Marrone è Professore ordinario di Storia romana ed epigrafia latina all’Università Ca’ Foscari di Venezia

4 novembre h 18.30

Eva Cantarella

Sparta o Atene?

Eva Cantarella ha insegnato Istituzioni di Diritto romano e Diritto greco antico all’Università Statale di Milano. Ha pubblicato oltre venti saggi sul diritto e su aspetti sociali del mondo greco e romano, tradotti all’estero in numerose lingue.

 

Programma per le scuole


22 marzo h 10.00

Carlo GREPPI

La storia ci salverà

Il passato è presente nelle parole che usiamo, nei luoghi che conosciamo o scopriamo, nei paesaggi che guardiamo, nelle frontiere che attraversiamo, nei nostri simili a cui ci ispiriamo.

Carlo Greppi è storico e scrittore, ha collaborato con Rai Storia ed è membro del Comitato scientifico dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri, che coordina la rete degli Istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea in Italia

 

30 marzo h 10.00

Marco AIME

Individui, culture, storia

L’antropologia studia gli uomini, intesi come insieme di individui che intrattengono tra loro relazioni di vario genere, che nel loro insieme chiamiamo cultura o, meglio, culture, al plurale. Risulta quindi utile a fornire chiavi di lettura trasversali e oblique rispetto alla complessità dei fenomeni attuali o almeno della maggior complessità percepita. Adottare uno sguardo “altro”, una prospettiva diversa, consente di analizzare i fenomeni dell’oggi alla luce di altre narrazioni e altre visioni del mondo e a relativizzare i problemi. A questo proposito durante l’incontro Marco Aime si concentrerà sull’apporto che l’antropologia culturale può offrire alla ricerca storica.

Marco Aime è antropologo e scrittore italiano, docente di antropologia culturale presso l’Università di Genova

 

14 aprile h 10.00

Dario FABBRI

La geopolitica e la storia

Quale approccio storico per la geopolitica? Quanto conta lo studio della storia nell’analisi delle questioni planetarie? Dario Fabbri riflette insieme agli studenti su come la geopolitica interpreta il passato

Dario Fabbri è giornalista, consigliere scientifico e coordinatore America di Limes Rivista Italiana di geopolitica

 

21 aprile h 10.00

Elvira FROSINI / Daniele TIMPANO

Dialoghi con la Storia

Incontro/lezione sul teatro

I due autori, attori e registi – finalisti nel 2019 del prestigioso Premio Ubu – raccontano ai ragazzi il lavoro di ricerca e composizione che sta alla base di un testo drammaturgico incentrato su fatti e personaggi storici. Da Dux in scatola a Risorgimento Pop, da Aldo Morto a Zombitudine, fino ad Acqua di Colonia e a Gli sposi, il duo attualizza e “riesuma” la Storia mettendola in profondo dialogo con l’oggi

 

11 maggio h 10.00

Dino ZARDI

La climatologia e i cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici sono spia di azioni e fenomeni che si sono succeduti nel corso del tempo e possono offrire importanti chiavi di lettura della realtà dell’oggi.

Dino Zardi è un fisico, docente ordinario presso il Gruppo di Fisica dell’Atmosfera dell’Università di Trento, Presidente dell’AISAM Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia, direttore del Festivalmeteorologia

 

Evento speciale

 

27 maggio | h 11.00

Palazzo Ducale, Sala del Maggior Consiglio

Finale del Torneo Interregionale di DEBATE

Studiare la storia in ordine cronologico o tematico?

Il metodo del Debate si sta affermando come un valido strumento didattico per stimolare le capacità argomentative dei ragazzi. La Finale del torneo di Debate è patrocinata da URS Liguria e da USR Piemonte, Scuole Polo Regionali per l’implementazione del Debate: I.I.S. G. Ruffini – Imperia, I.I.S E. Majorana – Torino in collaborazione con I.IS G. Baruffi – Ceva e Ormea

 

 

Formazione docenti

 

La partecipazione agli incontri di formazione è su prenotazione fino a esaurimento posti, a pagamento (anche con bonus della Card docenti). Ai partecipanti verrà rilasciato attestato valido ai fini del riconoscimento formativo.

 

2, 9, 17, 23 marzo | h 17.00 – 19.00

Raccontare storie e insegnare storia

Corso di formazione ONLINE

a cura di Antonio BRUSA in collaborazione con i Servizi Educativi e Culturali di Palazzo Ducale e con Mariangela Galatea Vaglio, Raffaele Guazzone, Giuseppe Losapio

Come conciliare il piacere dell’ascolto con la grammatica di una disciplina? E come realizzare questo obiettivo con una didattica partecipativa e, per quanto possibile, gradevole?

È questo il tema di questo corso, nel quale si vedrà quanto siano false le opposizioni fra chi è per la “storia-racconto” e chi per la “storia-problema-discussione” e quanto stiano bene insieme gioco, immagini, carte di ogni genere, racconti e regole per pensare storicamente.

Lo vedremo in un corso che unirà gli aspetti di riflessione teorica con proposte pratiche,

applicabili nelle classi di ogni ordine e grado.

 

Antonio Brusa è docente presso la Scuola di Specializzazione all’insegnamento di Pavia. Ricercatore in qualità di professore aggregato all’Università di Bari sino al 2010, collabora con il C.I.D.I. (Centro Iniziativa Democratica Italiana) e il LANDIS (Laboratorio Nazionale Didattica della Storia). Dal 2013 dirige la Summer School “Laboratorio del Tempo Presente” per l’Istituto Parri. Ha fatto parte delle Commissioni ministeriali Brocca, De Mauro e Ceruti per la riforma dei programmi di storia. Ho co-fondato “Quaderni Medievali” e co-diretto “I Viaggi di Erodoto” e “Mundus”; dirige la rivista on-line “Novecento.org” e fa parte del comitato scientifico di diverse riviste didattiche pubblicate in Spagna, Svizzera, Francia. Cura il sito per insegnanti di storia www.historialudens.it.

 

12 e 19 aprile | h 17.00 – 18.30

Il paesaggio: impronte di storia                                                              

Corso di formazione ONLINE

a cura di Enrica DONDERO e Monica TERMINIELLO in collaborazione con i Servizi Educativi e Culturali di Palazzo Ducale

Il seminario suggerisce chiavi di lettura atte a fornire ai docenti strumenti utili all’osservazione e alla lettura dell’ambiente naturale e paesaggistico che ci circonda. Attraverso l’analisi delle stratificazioni e dei palinsesti territoriali, che hanno determinato nel corso del tempo modifiche e cambiamenti, verranno prese in esame alcune varianti paesaggistiche documentate anche dalle fonti storiche. Le suggestioni e gli stimoli forniti saranno preludio per progetti dedicati al tema del paesaggio come fonte di indagine per la conoscenza del territorio nel suo divenire.

 

Enrica Dondero è docente di Storia e Italiano presso un Istituto di Istruzione Secondaria di secondo grado di Genova, con particolari interessi di ricerca nel campo della didattica della storia e del patrimonio culturale.

 

Monica Terminiello è docente di Arte e immagine presso una Scuola Secondaria di primo grado di Genova e ha maturato vasta esperienza nel campo della didattica dell’arte e del patrimonio storico artistico.

 

 

16 aprile | h 17.00 – 19.00

Bernard FRIOT

Raccontare storie di cucina, ricette e cibo

In piazza ci sono i bar, i ristoranti, le bancarelle del mercato, i negozi di alimentari, le pasticcerie… Tutti luoghi dove anche si raccontano storie, perché la gente parla di cibo, scambia ricette, ricorda tradizioni legate alla cucina. In queste storie si incontrano esperienze personali ed elementi delle culture, storia privata e grande Storia, con la maiuscola, finzione e realtà.

L’idea centrale della formazione è di esplorare diversi modi di raccontare storie di cibo, per “cerchi concentrici”, dall’io dell’esperienza privata alla cucina come fattore sociale e culturale.

 

Bernard Friot è autore di romanzi, racconti e poesie per bambini e ragazzi e traduttore dall’italiano e dal tedesco. Prima di approdare alla scrittura ha insegnato nelle scuole francesi. Premio Andersen 2019 come «Protagonista della cultura dell’infanzia», vince nel 2017 il Premio Orbil e il Premio Cento con il romanzo Dieci lezioni sulla poesia, l’amore e la vita, e nel 2020 il Premio Liber con Un anno di poesia

 

 

Prenotazioni

 

La partecipazione a tutti gli appuntamenti è su prenotazione.

Incontri per le scuole: www.palazzoducale.genova.it/prenotazioni

Incontri di formazione per docenti: prenotazioniscuole@palazzoducale.genova.it

 

Informazioni

didattica@palazzoducale.genova.it