Precisazione

Titanio nel Beigua, Regione: “Nessuna ricerca nel territorio del parco”

L'assessore Scajola: "Rossetti e il Pd non sanno di cosa parlano, strumentalizzazioni vergognose"

Genova. “Non è stata fatta alcuna delibera di giunta autorizzativa per la raccolta del titanio nell’area del Beigua. Il consigliere Rossetti confonde, strumentalizza e non sa di cosa parla. Gli uffici tecnici competenti hanno permesso, nel pieno rispetto delle norme, uno studio non invasivo che non interessa l’area del parco del Beigua”, così risponde l’assessore alle attività estrattive Marco Scajola alle affermazioni del consigliere Rossetti in merito a presunte concessioni per l’estrazione di titanio nell’area protetta del parco del Beigua.

“Non vi sarà alcuna attività di cava: lo studio verrà condotto senza alcun prelievo né alcun intervento sul territorio. Degli oltre 450 ettari richiesti ne sono stati concessi poco più di 200, escludendo l’area del parco naturale regionale del Beigua”, continua Scajola.

“Questo è stato fatto nonostante ci fossero pareri favorevoli ad autorizzare attività di studio in tutta l’area, anche del parco, da parte della Provincia di Savona, dell’Arpal e dell’Asl competente. Lo stesso Ministero dell’Ambiente ha confermato che l’attività di studio non dev’essere soggetta a VIA, proprio in virtù delle modalità non invasive che verranno impiegate”, dice l’assessore.

“Nessuna autorizzazione quindi da parte della giunta: chi afferma il contrario afferma il falso, senza conoscere minimamente l’argomento”, conclude.

leggi anche
  • Geopark
    Ricerca di titanio, Rossetti (Pd): “Chi tocca il beigua se ne assumerà le responsabilità”
  • Battaglia
    Titanio del Beigua, i Comuni dell’entroterra insorgono: “Il 40% della ricerca anche dentro il parco”
  • Quasi 6000
    Titanio del Beigua, migliaia di firme per tutelare il parco: “Fermate le ricerche”
  • Battaglia
    Titanio nel parco del Beigua, il caso finisce sul tavolo del ministro Cingolani
  • No e ancora no
    Titanio del Beigua, anche Coldiretti si schiera a tutela dei territori: “Imprese agricole a rischio”