Messa in sicurezza

Strada di Portofino a rischio mareggiata, al via nuovi lavori di rinforzo per 1,5 milioni

Si rischia lo stesso effetto erosione che ha provocato il crollo nel 2018. Lunedì parte il cantiere

Santa Margherita Ligure. Il piede del tratto di strada Sp 227 tra via Repellini e la Cervara sarà ripristinato e rinforzato con palificazioni. Sono pronti a partire lunedì (anche se in realtà sono già stati effettuati lavori propedeutici) i lavori per la difesa a mare di una delle strade più belle e panoramiche del mondo: quella che collega Santa Margherita Ligure a Portofino.

Un intervento di prevenzione rischi idrogeologici realizzato con fondi di protezione civile del valore di circa 1,5 milioni di euro.

“Le onde che frangono sul muraglione a protezione della strada generano pericolosi effetti erosivi e fornelli – spiegano il sindaco di Santa Margherita Ligure Paolo Donadoni e il vicesindaco Cozzio con delega alla protezione civile – che possono portare a indebolimenti progressivi, come purtroppo dimostrato anche dalla mareggiata del 2018. Per aumentare la resilienza del territorio e conservare una delle vie più conosciute nel mondo, è necessario prevedere opere di protezione della strada. Si tratta di un intervento impegnativo da realizzare dal punto di vista tecnico per quanto semplice nella sua forma trattandosi di un ripristino”.

La previsione della durata dei lavori è legata alle condizioni meteo marine trattandosi di un intervento sul mare. Le operazioni saranno effettuate a sbalzo dalla strada grazie a un apposito mezzo; il cantiere occuperà circa 30 metri di carreggiata lato mare e si sposterà man mano da Santa Margherita Ligure verso Portofino.

La realizzazione del piede di rinforzo, in questo primo lotto, parte dalle spiagge di fronte a via Repellini e arriva alla spiaggia “del pino” prima di Capo Nord. Il traffico nel tratto sarà deviato sulla corsia a monte e regolato da impianto semaforico. Anche i pedoni saranno deviati lato monte in un percorso protetto. A marzo ci sarà un aggiornamento sullo stato dei lavori per verificare la realizzazione e coordinare le sospensioni in vista della stagione turistica.

leggi anche
  • C'è da fare
    Parco nazionale di Portofino, nasce il comitato: “Commissariato da un anno, serve una svolta”