Blucerchiati ko

Sampdoria Primavera, stop a Bergamo: 1-3risultati

Interrotta con l’Atalanta la serie positiva; il goal della bandiera lo segna Trimboli su rigore

Ciserano. Non riesce a fare il pokerissimo, la Primavera di Felice Tufano, bloccata sul campo del Centro Sportivo Bortolotti, dall’Atalanta di Massimo Brambilla, che con un netto 3-1 riprende la consapevolezza dei propri mezzi, mettendo qualche granello di sabbia in quello che era stato il perfetto ingranaggio blucerchiato nelle precedenti quattro vittorie consecutive.

Dopo un pericolo scampato, su calcio d’angolo, al 19° (Prelec), i bergamaschi hanno ben presto ottenuto  il doppio vantaggio nei primi trenta minuti di gioco, con i goal di Giorgio Scalvini (imperioso colpo di testa del difensore centrale nerazzurro, proprio su corner pennellato da Panada) e della punta camerunese Jonathan Ngock Italeng (ancora di testa, su cross di Grassi), mentre i blucerchiati per tutto il primo tempo non sono riusciti ad impensierire più di tanto il portiere nerazzurro, Gelmi.

Anche nella prima parte della ripresa, i padroni di casa hanno controllato la gara, con un fitto palleggio, che ha irretito i ragazzi di Tufano, alla ricerca dell’occasione che potesse  riaprire il match, svanita al 10°, per colpa di una strepitosa parata di Gelmi, che ha detto “no” ad una girata ravvicinata di Trimboli.

L’Atalanta avrebbe potuto allungare grazie ad una incursione di Renaut, cui si è opposto un ottimo Avogadri, ma anche il subentrato Di Stefano ha al suo attivo un’opportunità che poteva risultare decisiva.

L’occasione per mettere in discussione il risultato finale, è arrivata, finalmente, al 73°, quando un fallo in area di Grassi,  su Somma, ha indotto il direttore di gara, signor Gualtieri di Asti, a decretare un rigore a favore della Samp, che capitan Trimboli ha realizzato con freddezza, accorciando le distanze (1-2).

Da lì in avanti, il Doria si è buttato in avanti, alla ricerca disperata del pareggio, sfiorato ancora da un bel tiro di Di Stefano, che ha lambito la traversa orobica, se non che, all’87°, il subentrato De Nipoti ha chiuso i giochi, mettendo a segno la rete del 3-1.

Questo il tabellino della gara:

Atalanta (4-3-1-2): Gelmi; Renault, Scanagatta, Scalvini (all’ 80° Cittadini), Grassi (al 75° Ceresoli); Berto, Panada, Gyabuaa: Zuccon (al 7° Sidibe); Italeng, Rosa (all’80° De Nipoti).
A disposizione: Dajcar, Bonfanti, Mehic, Vorlicky, Kobacki.

Sampdoria (3-5-2): Avogadri; Aquino, Siatounis, Obert; Ercolano (dal 46° Somma),Brentan (dal 65° Francofonte), Yepes Laut, Trimboli, Giordano (dall’80° Gaggero); Prelec, Yayi (dal 65° Di Stefano).
A disposizione: Saio, Gentile, Napoli, Hermansen, Sepe, Krawczyk, Montevago, Marrale.