Tre punti

Sampdoria-Fiorentina 2-1, ma che fatica per la squadra di Ranieri fotogallery risultati

Balde e Quagliarella gli autori delle reti, Fiorentina vicinissima al pareggio all'ultimo secondo

Genova. Una “partitaccia”, ma i tre punti sono arrivati ugualmente. La Sampdoria ha ragione della Fiorentina 2-1 nonostante la grande fatica nel costruire gioco e nel rendersi pericolosa. Non che la squadra di Prandelli abbia fatto molto di più. Non un grande spettacolo quello offerto oggi da entrambe le squadre, ma nel calcio ha ragione chi vince. Dopo la rete di Balde nel primo tempo, favorita da un errato tempo di uscita di Dragowski, la Fiorentina era riuscita a pareggiare con un colpo di testa di Vlahovic nel primo tempo. In una ripresa in cui si sono viste più occasioni, determinanti i cambi: i neoentrati Candreva e Quagliarella hanno confezionato la rete della vittoria.

Primo tempo. Ranieri opta per Balde unica punta supportato da Ramirez e Jankto, con Damsgaard più largo e Silva e Thorsby a fare da diga. Colley regolarmente in campo nonostante la vistosa fasciatura alla mano destra.

Prima mezzora in cui le squadre si affrontano a ritmo sostenuto, ma sono tantissimi gli errori infase di impostazione da parte di entrambe. Il risultato è che sono pochi i tiri – per la Sampdoria al 12′ scambio Balde-Damsgaard,conclusione dalla distanza di quest’ultimo bloccata facilmente da Dragowski – e ancora meno le occasioni da gol: nessuna.

La Sampdoria non riesce a distendersi neanche in ripartenza, con Balde che risulta molto isolato.

In un match che risulta oggettivamente poco spettacolare, arriva inaspettata la rete del vantaggio firmata da Keita Balde: calcio d’angolo di Dragowski chiama la palla in uscita ma non ci arriva perché l’attaccante doriano lo anticipa di testa.

Passano sei minuti e la Viola (oggi in rosso) pareggia: ingenuità di Thorsby che fa fallo in una zona pericolosa al limite dell’area, la punizione di Pulgar viene respinta da Audero, che compie un grande intervento. Il portiere blucerchiato si rialza per dire di no anche al colpo di testa di Vlahovic, ma l’intervento avviene quando la palla ha già superato la linea di porta. Maresca convalida dopo un silent check per sospetto fuorigioco.

Secondo tempo. Si torna a giocare senza cambi, con Jankto e Damsgaard invertiti rispettivamente a destra e sinistra, ma il risultato non cambia: la Sampdoria fa una fatica immane e per poco capitola in due occasioni al 53′ e al 54′: Milenkovic colpisce bene di testa su palla inattiva e Audero è bravissimo a deviare sul palo. Bonaventura ci prova con un tiro al volo su cross di Venuti, fuori di pochissimo.

Un minuto dopo è la Sampdoria a provarci con Balde che supera in velocità il diretto avversario, si defila per evitare anche Dragowski, ma il destro potente colpisce l’esterno della rete.

Dentro Candreva e Quagliarella per Damsgaard e Jankto (65′). Quagliarella va a sistemarsi accanto a Balde, Candreva va a destra. Sono propri i nuovi entrati a confezionare il 2-1: il centrocampista vede l’attaccante al limite dell’area e gli serve un assist rasoterra che il capitano trasforma in oro con un diagonale velenoso su cui Dragowski non riesce a intervenire anche a causa di una deviazione involontaria di uno dei suoi (71′). Subito dopo la Sampdoria protesta per un sospetto contatto in area su Ramirez, che resta a terra a lungo, ma per Maresca non ci sono gli estremi per il penality. Arriva il momento di Ekdal per un Silva che ha giocato partite migliori (75′).

Prandelli effettua i primi cambi all’83’: dentro Callejon e Malcuit per Pezzella e Venuti. La Fiorentina si sbilancia in avanti e la Sampdoria si difende con le unghie e con i denti: all’86’ salvataggio di testa di Colley su tiro a botta sicura di Biraghi. Ora si gioca solo nella metà campo della Sampdoria,che ingenuamente, invece di tenere palla, si lascia ingolosire dalla possibilità di un tiro con Candreva (alto) a inizio recupero.

Leris nel finale spreca un’enorme occasione in contropiede due contro uno, riuscendo a farsi deviare il passaggio per Qugliarella in campo aperto. Brivido nel finale con Milenkovic che si divora il 2-2 spedendo a fil di palo un colpo di testa.

Sampdoria-Fiorentina 2-1

Reti: 31′ Balde; 37′ Vlahovic; 71′ Quagliarella

Sampdoria: Audero, Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello, Damsgaard (65′ Candreva), Thorsby, Silva (75′ Ekdal), Jankto (65′ Quagliarella), Ramirez, Balde (89′ Leris).

A disposizione: Ravaglia, Letica, Verre, Torregrossa, Askildsen, Regini, Gabbiadini, Ferrari.

Allenatore: Ranieri

Fiorentina: Dragowski, Milenkovic, Pezzella (83′ Callejon), Quarta, Venuti (83′ Malcuit), Bonaventura, Pulgar, Castrovilli, Biraghi, Kouamé, Vlahovic.

A disposizione: Terracciano, Rosati, Valero, Olivera, Caceres, Barreca, Montiel, Kokorin, Eysseric, Igor.

Allenatore: Prandelli

Arbitro: Maresca di Napoli

Ammoniti: Damsgaard (S); Venuti, Pulgar, Bonaventura (F)

leggi anche
  • L'analisi
    Ranieri: “Vittoria del gruppo, partita difficile, abbiamo avuto un briciolo di fortuna in più”