Geopark

Ricerca di titanio, Rossetti (Pd): “Chi tocca il beigua se ne assumerà le responsabilità”

"Chiedo che immediatamente tutti gli atti e il verbale della Conferenza dei Servizi vengano resi pubblici"

Genova. “Sconcerto e preoccupazione per la delibera che consente alla Compagnia Europa del Titanio di perforare aree del Parco del Beigua allo scopo di aprire una miniera per la raccolta del Titanio. Mi chiedo se l’assessore Scajola sa cosa succede”, così Pippo Rossetti, consigliere regionale Pd.

“Tre mesi fa, a novembre, ai colleghi Candia e Pastorino ha risposto in Consiglio che non c’era alcuna richiesta e che comunque la Giunta sarebbe stata contraria. Dopo trenta anni di tentativi inutili da parte della Compagnia, la Giunta Toti da il suo consenso! Unico Geopark della Liguria vengono cosi contraddette tutte le politiche economico turistiche ambientali del territorio. Toti finge di non sapere che perforazioni ed estrazioni in quel luogo sono pericoli per la salute degli abitanti, perché in quelle rocce ci sono fibre che inducono all’asbestosi”, continua.

“Chiedo che ASL 2 , Arpal e Uffici Regionali vengano immediatamente a riferire in Commissione e l’assessore Scajola a spiegarci come mai in tre mesi la Giunta ha cambiato idea, sperando che non si nasconda dietro ai pareri tecnici degli uffici, alibi che vale come il due di picche. Chiedo che immediatamente tutti gli atti e il verbale della Conferenza dei Servizi vengano resi pubblici. Ognuno potrà assumersi le sue responsabilità”, conclude.

leggi anche
  • Battaglia
    Pastorino (Linea Condivisa), Candia (Lista Sansa), Bruno (Europa Verde): “No all’estrazione del titanio nel Parco del Beigua”
  • Capitolo chiuso
    Parco del Beigua, la Regione dice (ancora) no all’estrazione di titanio sul bric Tarinè
  • Tema caldo
    Titanio sul Beigua, Legambiente: “Preoccupazione per il via libera ai permessi di ricerca”
  • Precisazione
    Titanio nel Beigua, Regione: “Nessuna ricerca nel territorio del parco”
  • Battaglia
    Titanio del Beigua, i Comuni dell’entroterra insorgono: “Il 40% della ricerca anche dentro il parco”