Aiuto

Patto del turismo, quasi 3000 assunzioni dall’apertura del bando regionale

Oltre 1000 domande per 8 milioni di contributi, Berrino: "Nuovi bonus nel 2021". Maestripieri: "Abbiamo fatto la scelta giusta"

Genova. Prosegue la grande risposta delle imprese liguri al bando del Patto per il turismo aperto lo scorso giugno che eroga bonus assunzionali nel settore turistico (alberghi, ristoranti, agriturismi, bar, pasticcerie, gelaterie, stabilimenti balneari, strutture turistiche extralberghiere, agenzie di viaggio e tour operator) in scadenza il 30 marzo prossimo.

Ad oggi sono state presentate domande da 1020 imprese per complessivi 7.903.182 di euro di contributo richiesto (di cui 258 alberghi che hanno richiesto 2.773.142 di euro).

I contributi erogati interessano l’assunzione di 2.908 risorse umane con contratti a tempo determinato di almeno quattro mesi: di questi 657 per contratti di 5 mesi o più e 67 per contratti di un anno o a tempo indeterminato.

“Sono molto soddisfatto del successo di questa manovra che dimostra il fatto che il bonus assunzionale si sta dimostrando sempre più un valido strumento di politica attiva per promuovere l’inserimento lavorativo di disoccupati e per abbassare il costo del lavoro per le imprese – afferma l’assessore regionale al Turismo e al Lavoro Gianni Berrino – Il comparto turismo è quello che più di tutti sta soffrendo per l’emergenza sanitaria e per le misure restrittive imposte dal Governo. Per questo motivo stiamo lavorando per riproporre il bonus anche quest’anno : un concreto aiuto a tutte le imprese in crisi”.

“Abbiamo fatto la scelta giusta, come Cisl e come categoria del turismo Fisascat Cisl  chiedendo, anni fa, il patto per il Turismo alla Regione. Abbiamo fatto la scelta giusta anche a chiederne la revisione e a concordare con l’assessore al Turismo Gianni Berrino quelle modifiche che meglio lo adattassero alla contingenza della pandemia. Le oltre 3 mila assunzioni e le1500 domande per una erogazione di 8 milioni di euro, risultato dell’ultimo bando rappresentano l’evidenza di un provvedimento utile alle imprese e ai lavoratori del settore”. Lo dice il segretario generale Cisl Liguria Luca Maestripieri.

“Certo, ora la situazione si fa sempre più difficile – prosegue Maestripieri -. Bisogna accelerare la campagna vaccinale, lo dico alla Regione, ma soprattutto al Governo che deve acquistarli e inviarli. Questo brutto momento non potrà terminare fino a quando la maggior parte della popolazione, e non solo quella anziana, non sarà vaccinata. Non sappiamo quando potremo ripartire, ma sappiamo che dovremo farlo con l’acceleratore pestato al massimo per captare il turismo nazionale e, se possibile straniero (la Francia, serbatoio di visitatori per la Liguria, è in condizioni ben più gravi di quelle italiane). Lo scatto alla ripartenza sarà fondamentale. Bene l’idea dei nuovi  spot, che attendiamo di vedere sulle reti televisive nazionali, ma serve ancora altro: investimenti in promozione sul territorio e ulteriori misure per permettere alle aziende turistiche di non partire zoppicando”.

“In questa rivisitazione del Patto del Turismo abbiamo contribuito a costruire con la Regione anche un’importante misura di politica attiva quale lo smart-training, che ha garantito un sussidio ai lavoratori stagionali completamente scoperti, permettendo loro di mantenere la qualità professionale e di vederla certificata – conclude il segretario generale Cisl Liguria -. In questi giorni abbiamo svolto nuovi incontri per riconfermare sia i bonus assunzionali sia lo smart-training, migliorandoli ulteriormente”.

Più informazioni