Quantcast
Addio

Morto di Covid il ligure Guido Stagnaro: era il papà letterario di Topo Gigio

Nato a Sestri Levante nel 1925, è stato uno dei pionieri della televisione italiana

Sestri Levante. Era il papà letterario di Topo Gigio, personaggio che ha avuto innumerevoli fortune dai cartoni ai giocattoli alla televisione, ed era uno dei pionieri del piccolo schermo in Italia, prima in Rai e poi nelle rete private. Tra le vittime del Covid c’è anche Guido Stagnaro, milanese d’adozione, nato a Sestri Levante il 20 gennaio del 1925, morto il 18 febbraio a 96 anni.

Una carriera lunga quattro decenni che lo ha visto regista, attore, autore teatrale e televisivo e soprattutto fecondo scrittore e sceneggiatore di oltre trecento fiabe per bambini, conquistando più volte il Premio nazionale di Regia televisiva.

Nel 2009 è stato testimonial d’eccezione del Premio Andersen di Sestri Levante. Dalla Tv dei ragazzi alla regia di spettacoli musicali, commedie, sit-com e film per il piccolo schermo, Stagnaro è stato testimone e protagonista della storia della televisione italiana e dei suoi cambiamenti.

“La sua è stata una vita piena di incontri, un’entusiasmante cavalcata nella storia dello spettacolo italiano, tra realtà e fantasia, luci e personaggi, che Guido Stagnaro mi ha raccontato nel 2014 nel libro L’artigiano della tivù“, dice l’autrice Maria Teresa Melodia nel dare la notizia della scomparsa.

Nella prefazione il critico Aldo Grasso scriveva: “Di Stagnaro si diceva che era un gran signore ligure, signore di suo, ma ancora di più per il gran rifiuto riguardo la sua creatura più famosa, proprio Topo Gigio. Stagnaro lascio’ a Federico Caldura (costruttore di pupazzi) e a Maria Perego (animatrice di quegli stessi pupazzi) l’eredità di Gigio, rinunciando ai diritti che gli sarebbero spettati, pur di dedicarsi a progetti più impegnativi”.

Nel 1974 è il regista della prima trasmissione Rai a colori ‘Nel Mondo di Alice’, con Milena Vukotic e molti cammei celebri tra cui Franca Valeri. Sull’antesignana delle tv commerciali, Antenna3, cura la regia di programmi con Enzo Tortora, il Quartetto Cetra, Ric & Gian e Donatella Rettore per la quale crea i primi videoclip. All’inizio degli anni ’80 arriva l’incontro con Silvio Berlusconi che lo porta a Fininvest, dove collabora con Carlo Freccero al debutto tv di Edwige Fenech ed è il regista della prima sitcom made in Italy, ‘I cinque del quinto piano’. E’ anche il regista del quiz ‘Test’ con Emilio Fede.

“Topo Gigio perde il suo papà letterario, la Liguria uno dei suoi grandi artisti. Guido Stagnaro, nato a Sestri Levante 96 anni fa e diventato uno pionieri del piccolo schermo in Italia, ha perso la sua battaglia contro il Covid. Regista, attore, autore teatrale e televisivo, scrittore e sceneggiatore di oltre trecento fiabe per bambini. Un grande ligure che continuerà a vivere nei personaggi dei suoi racconti – scrive sui social il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti appena appreso della scomparsa – La sua è stata una vita dedicata alla televisione e al teatroche lo ha visto percorrere infinite strade, tante quante il suo poliedrico talento, all’insegna della continua creatività. La sua scomparsa ci rende tutti più tristi”.

Ci addolora molto la scomparsa di Guido Stagnaro, regista, attore, autore sia teatrale che televisivo ma anche scrittore e sceneggiatore di fiabe per bambini, che gli hanno valso due volte il Premio Nazionale di Regia Televisiva – lo ricorda la sindaca di Sestri Levante Valentina Ghio -. Stagnaro ha lavorato a lungo in Rai, dedicando molti anni a servizio dei programmi della Tv dei ragazzi. Creatore insieme a Maria Perego e a Federico Caldura di Topo Gigio, ha scritto oltre trecento fiabe con personaggi divenuti famosi come il Re Però e La Gallina Tric – Trac. Sestri Levante ricorda con affetto e orgoglio Guido, al quale il Comune aveva conferito la cittadinanza onoraria, che ha rappresentato una figura innovativa nel panorama televisivo italiano, lasciandoci personaggi ancora attuali. Alla famiglia vanno le più sentite condoglianze dell’Amministrazione comunale”.
Più informazioni