Nessun ferito

Masso enorme frana sulla strada tra Borzonasca e Sopralacroce

Sospesa la linea 12 di Atp Esercizio. Il maltempo ha colpito soprattutto a Levante

Borzonasca. Un enorme masso (foto di Martina Migliazzi) si è staccato nella notte dalla parete che costeggia la strada che tra Borzonasca porta a Sopralacroce, finendo sulla carreggiata.

Per fortuna in quel momento non stava passando nessuno.

La strada è ovviamente interrotta, così come sono sospese le corse della linea 12 di Atp Esercizio.

Il maltempo ha provocato l’esondazione dell’Entella alla foce questa mattina a causa delle forti piogge che, come previsto, si sono riversate soprattutto sul centro-Levante della regione dopo le 4 della notte.

Due auto sono state sommerse dall’acqua, fortunatamente a bordo non c’era nessuno. Via Tito Groppo è stata chiusa al traffico.

I vigili del fuoco hanno rimosso alcuni alberi caduti in zona San Quirico di Carasco. Anche in questo caso nessuna persona è stata coinvolta e non si sono verificati danni.

Le precipitazioni tra la serata di ieri, la notte e le prime ore del mattino hanno interessato principalmente il centro Levante oltre a locali picchi sull’imperiese. Queste le dieci cumulate massime da inizio evento (dati alle 11.30): Amborzasco (Santo Stefano d’Aveto, Genova) 114.8 millimetri, Cichero (San Colombano Certenoli, Genova) 109.4, Croce Orero (Genova) 102.6, Borzone (Borzonasca, Genova) 96.8, Cabanne (Rezzoaglio, Genova) 96.2, Reppia (Né, Genova) 94.2, Diga di Giacopiane (Genova) 90.4, Santa Margherita Vara (Carro, La Spezia) 88.8, Brugnato (La Spezia) 86.6, Davagna (Genova) 84.4. Nell’imperiese da segnalare i 70.2 millimetri di Cipressa.

Piogge e temporali hanno generalmente innalzato i livelli dei bacini grandi di Levante con il raggiungimento della prima soglia per il Vara a Nasceto, Piana Battolla e Brugnato. Fino al primo pomeriggio odierno, attese piogge residue sul Levante anche a carattere temporalesco in progressivo esaurimento. Sul Magra nel tratto terminale, si attende nelle prossime ore, il transito del colmo di piena con livelli generalmente contenuti in alveo.

I venti sono ruotati dai quadranti settentrionali quasi ovunque ma, nella notte, raffiche meridionali hanno toccato i 149.8 km/h a Casoni di Suvero, nello spezzino e, in costa, i 112 km/h a Fontana Fresca (Sori, Genova). Il mare è agitato.

L’allerta gialla è terminata alle 10 sulla zona di Genova fino al promontorio di Portofino, resta invece sino alle 15 per i soli bacini medi e grandi del Levante sino allo spezzino.

Più informazioni