25ª giornata

L’Entella riprende il Brescia: a Chiavari finisce 1 a 1risultati

I biancocelesti ottengono un punto dopo cinque sconfitte consecutive

Chiavari. Il Brescia si porta in vantaggio, l’Entella la riprende. Per i chiavaresi arriva così un punto contro le rondinelle grazie ad una rete di capitan Pellizzer nel finale di partita. Dopo il gol ospite di Ayé nel primo tempo, i biancocelesti ribaltano l’inerzia del match e pareggiano per l’1-1 finale.

Qualche cambio per Vivarini nel solito 4-3-1-2: Russo in porta; in difesa Coppolaro sostituisce Cleur a destra, al centro confermati Pellizzer e Chiosa, a sinistra Costa; a centrocampo Koutsoupias, Paolucci e Brescianini; davanti Schenetti a supporto di Brunori e di De Luca, che torna titolare dopo sei partite.

Grande intensità nei primi minuti di gara, con entrambe le squadre coperte e attente, alla ricerca dell’occasione giusta per sbloccare il risultato. Al 19’ arriva il primo brivido per l’Entella: Ayé deposita per l’inserimento di Bisoli, che in piena area calcia a lato. Aumenta la pressione il Brescia e trova il vantaggio su calcio d’angolo, grazie ad un colpo di testa di Ayé su assist di Bjarnason.

Pochi secondi dopo ci prova Brescianini da buona posizione, ma il suo tiro di prima intenzione è di poco fuori dallo specchio coperto da Joronen. Pericoloso contropiede nel finale di tempo non capitalizzato dalle Rondinelle, col tiro di Spalek che finisce alto. Si chiude qui il primo tempo sullo 0-1.

Partono bene i biancocelesti nella ripresa: prima Brunori sfiora la rete con un tiro salvato all’ultimo sulla linea di porta, poi Chiosa subisce fallo in piena area e l’arbitro Fourneau assegna calcio di rigore. Sul dischetto si presenta De Luca, ma la zanzara si fa ipnotizzare da Joronen. L’Entella non demorde: altro miracolo del portiere finlandese, stavolta su colpo di testa di Koutsoupias da ottima posizione. Un istante dopo sono ancora i diavoli neri a provarci con un bel diagonale di Schenetti, ma la conclusione è troppo debole. Di nuovo Koutsoupias sfiora la rete con un bellissimo tiro dalla lunga distanza che costringe ancora Joronen al miracolo.

Doppio cambio allora per Vivarini: dentro Capello e Dragomir al posto di Schenetti e Brescianini. C’è spazio per una punizione insidiosa di Costa poco prima dell’ultimo cambio, con Mancosu per Koutsoupias e De Col al posto di Coppolaro. La pressione biancoceleste paga e a 6′ dal termine giunge il pari dell’Entella: su corner di Costa arriva l’1-1 grazie a capitan Pellizzer, che salta più in alto di tutti e trova il gol. A meno due dal 90° per poco un cross insidioso di De Col non si trasforma in rete, con Joronen che mette in angolo. C’è spazio anche per una clamorosa occasione poco prima del fischio finale, con Mancosu che, nell’area piccola, non riesce a deviare in rete la spizzata di Pellizzer. Finisce qui ed è 1-1 al Comunale.

Un punto dopo cinque sconfitte consecutive; non arriva la vittoria nonostante un buon secondo tempo. Non c’è tempo per fermarsi però: necessario ricaricare subito le pile in vista del turno infrasettimanale in programma martedì alle ore 19 al Via del Mare contro il Lecce.

Il tabellino:
Virtus Entella – Brescia 1-1 (p.t. 0-1)
Virtus Entella (4-3-1-2): Russo; Coppolaro (81’ De Col), Pellizzer, Chiosa, Costa; Koutsoupias (81’ Mancosu), Paolucci, Brescianini (75’ Dragomir); Schenetti (75’ Capello); De Luca (62’ Morosini), Brunori.
A disposizione: Borra, Bonini, Poli, Pavic, Nizzetto, Toscano, Cardoselli.
Allenatore: Vivarini
Brescia (4-3-1-2): Joronen; Karacic, Chancellor, Cistana (87’ Mangraviti), Pajac (58’ Martella); Bisoli, Van de Looi, Bjarnason (76’ Jagiello); Spalek (87’ Skrabb); Ayé (87’ Ragusa), Donnarumma.
A disposizione: Kotnik, Mateju, Papetti, Labojko, Fridjonsson.
Allenatore: Gastaldello (Clotet squalificato)
Marcatori: 25’ Ayé (B), 84’ Pellizzer (E)
Arbitro: Fourneau (Roma 1). Assistenti: Schirru (Nichelino) e Nuzzi (Valdarno). Quarto uomo: Sozza (Seregno).

leggi anche
  • Post partita
    Entella-Brescia, Vincenzo Vivarini: “Ci sono tutti i presupposti per tener duro fino alla fine”