Quantcast
Plauso

Governo Draghi, Pastorino: “Discorso positivo, ma serve prolungare lo stop ai licenziamenti”

Il deputato ligure di Leu: "Programma convincente, ora serve uno sforzo su lavoro e tasse"

Genova. “Il discorso del presidente del Consiglio Draghi è stato positivo sotto molti aspetti. È superfluo ripercorrere le tappe che hanno portato alla nascita di questo governo e chi ha provocato la crisi. La priorità è ora il Paese: il programma è in questo senso largamente convincente”. Lo dichiara il deputato ligure Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu.

“L’impegno sull’ambiente e sulla digitalizzazione è in linea con quanto scritto nelle prime bozze del Recovery plan – continua Pastorino -. La transizione ecologica non è solo un Ministero, ma un obiettivo fondamentale. Insomma, ci sarà il supporto al governo, con una puntualizzazione necessaria: individuare la soluzione per i lavoratori. Serve una strategia per il futuro e nelle prossime settimane è necessario prolungare lo stop ai licenziamenti. L’obiettivo è quello di dare garanzia ai precari, chi lavora con contratti a tempo, e agli autonomi, per cui bisogna immaginare forme di tutela maggiori e migliori”.

“Sul fisco – aggiunge Pastorino – è apprezzabile l’intenzione di proseguire una riforma che vada nella direzione della progressività. In questo senso il supporto al governo delle forze che sostenevano il Conte 2 è politicamente essenziale. Insomma, come ha spiegato lo stesso Draghi, questo governo non cancella le identità politiche. Quindi nello spirito unitario, chiesto dal presidente del Consiglio, bisogna lavorare a un progetto per il futuro del Paese. Ripartendo dall’alleanza che ha sostenuto il precedente esecutivo”.

Più informazioni
leggi anche
  • Fuori
    I senatori liguri Crucioli e Mantero espulsi dal M5s: non hanno votato la fiducia a Draghi
  • Come volevasi dimostrare
    Il governo Draghi ottiene la fiducia al Senato con 262 sì: mancano i voti dei grillini liguri
  • Futuro incerto
    Covid, in Liguria 2mila imprenditori hanno detto basta: ora si teme il boom di licenziamenti