Genova. Circa trecento persone questo pomeriggio si sono date appuntamento a molo Speca a Cogoleto, nel ponente di Genova, al presidio antifascista voluto dall’Anpi per ribadire la condanna di quanto avvenuto il 27 gennaio scorso – nel Giorno della Memoria – all’interno del consiglio comunale della cittadina rivierasca.

Il caso è quello dei tre consiglieri del centrodestra sorpresi a usare il saluto romano per votare le delibere all’ordine del giorno. Un gesto finito sui social, condannato in maniera bipartizan da tutta la politica locale e nazionale e sul quale sono stati aperti sia un procedimento della prefettura – i tre consiglieri potrebbero infatti essere fatti decadere – sia un’indagine della procura.

Il saluto romano si configura infatti come reato, in quanto apologia di fascismo, andando contro l’articolo 2 della legge Mancino e contro la più antica legge Scelba. Ed è su questa base che sia la Digos sia il sindaco di Cogoleto hanno denunciato i tre.

“L’odio non è la risposta, non lo è mai, l’informazione, la cultura, l’educazione sono la risposta, solo così si preserva la memoria per impedire che si possano ripetere le atrocità del passato, solo così passato, presente e futuro, come oggi in questa piazza, tornare a incontrarsi per ribadire il fondamento della nostra costituzione democratica”, le parole del sindaco di Cogoleto Paolo Bruzzone.

“Benvenuti care compagne e cari compagni in questa giornata di lotta – ha detto Massimo Bisca, presidente provinciale di Anpi – se qualcuno prendesse un treno e potesse visitare i campi di concentramento di Auschwitz vedrebbe quello che è accaduto, sette tonnellate di vestiti, di scarpe, di occhiali, e chi ha fatto il saluto romano durante il consiglio comunale ha riportato alla luce quelle sette tonnellate, hanno offeso quei morti, ma anche i morti della resistenza uccisi dai fascisti e dai tedeschi, queste persone non sono degne di essere consiglieri comunali di nessun consiglio comunale italiano”.

Presenti i sindacati Cgil, Cisl e Uil e i rappresentanti di molti partiti: M5s, Pd, Lista Sansa. Hanno dato la loro adesione anche le associazioni Libera, Arci, Comunità di San Benedetto al Porto, Gruppo Scout Cogoleto, Cub e Medicina Democratica“, e ancora altri partiti tra cui Art.1, Lista Crivello, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista, Linea Condivisa, Leu, Europa Verde, Pci, Giovani Democratici, Chiamami Genova.

leggi anche
ANPI
Sabato
Saluti romani in consiglio comunale, Anpi lancia presidio antifascista a Cogoleto
Generica
Sviluppi
Saluto fascista a Cogoleto, avviato procedimento della prefettura sui tre consiglieri
Generica
Sviluppi
Saluto fascista a Cogoleto, i tre consiglieri comunali indagati dalla procura di Genova
Generica
Il caso
Saluto fascista durante la seduta nel “Giorno della memoria”, bufera sui consiglieri a Cogoleto
Generica
Il caso
Il Consiglio regionale condanna il “saluto fascista” a Cogoleto, ma Lega e Forza Italia si astengono