Quantcast
Augurio

Ecco il governo Draghi, Toti: “In bocca al lupo, si parta da vaccini, lavoratori e imprese”

Dopo il passaggio in zona arancione a San Valentino il governatore auspica dal nuovo premier: "Un cambio di marcia, meno incertezze che danneggiano le attività"

Genova. “Il presidente Draghi ha sciolto la riserva e ha presentato la lista dei Ministri del suo Governo. In bocca al lupo a lui e alla sua squadra. Ci aspettano giorni difficili, come dimostra la decisone che da domenica riporterà la Liguria in zona arancione per altre due settimane”.

Così scrive il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti su Facebook affidando ai social il suo augurio di buon lavoro al nuovo premier che oggi, alle 12, giurerà insieme alla squadra dei ministri.

“Lotta al virus, campagna vaccini, lavoratori e imprese che aspettano di ripartire. Ci sono tante cose da fare ma siamo sicuri che questi uomini e queste donne si impegneranno al massimo. Ora mettiamoci al lavoro, l’Italia non può più aspettare”, aggiunge il governatore toccando anche alcuni temi affrontati con Draghi in quando presidente di Cambiamo! durante le consultazione della passata settimana.

Poi un cenno all’immediato futuro, quello che vede la Liguria da domenica 14 febbraio tornare in fascia arancione. “Sono certo che ristoratori e baristi affronteranno con coraggio anche le prossime settimane ma mi auguro che questi siano per loro gli ultimi sforzi”, scrive Toti che è stato fra i primi sostenitori di un governo di unità nazionale.

“Ora ci aspettiamo da Draghi un cambio netto di marcia, risposte concrete per le imprese in difficoltà e la fine di tutte le incertezze e la confusione che hanno regnato finora, danneggiando ulteriormente le nostre attività”, conclude il presidente della Regione.

leggi anche
  • Nomina
    Lo spezzino Andrea Orlando è il ministro del Lavoro del governo Draghi
  • Governo
    Governo Draghi, nella squadra dei ministri anche Cingolani: ha diretto l’Iit di Genova
  • Bivio
    I senatori liguri del M5s non voteranno la fiducia al governo Draghi: ecco chi farà la “scissione”