Beneficenza

Dal Gaslini al powerlifting e ritorno: la raccolta fondi di Sonia Parlanti

Una raccolta fondi per aiutare chi le salvò la vita: la storia della campionessa di powerlifting Sonia Parlanti e della sua iniziativa

Genova. Ha rischiato di perdere la vita da bambina e, salvata dal Gaslini, da adulta vi fa ritorno per sostenere l’ospedale pediatrico genovese: questa è la storia di Sonia Parlanti, che sulla sua pagina Facebook ha avviato una raccolta di fondi a sostegno del reparto malattie infettive, forte della sua carriera nazionale e internazionale nel powerlifting e della visibilità che queste opportunità le hanno dato.

A quattro anni un avvelenamento da funghi ha rischiato di distruggerle completamente il fegato, ma è stata salvata dal personale del reparto di malattie infettive del Gaslini. Grazie anche a questa impresa, Sonia Parlanti è cresciuta e si è affermata nello sport, campionessa italiana e istruttrice di powerlifting, uno dei riferimenti più noti della FIPL ligure.

La sua fama l’ha portata a pensare di ringraziare proprio quell’ospedale e quel reparto, avviando una raccolta fondi attraverso la sua live streaming dal nome Not only athletes international. Con lei in questa impresa anche una campagna d’avventure: Antonietta Orsini, anche lei una star del powerlifting, che è entrata nella hall of fame europea e mondiale. La notizia, riportata dai siti e dagli account social istituzionali liguri e ospedalieri, vuole mantenere alta l’attenzione su questa raccolta, in modo da fornire il maggior supporto possibile a una realtà chiave per la Liguria e per tutta Italia, un’istituzione ospedaliera che ogni anno lotta per la vita di migliaia di bambini.