Quantcast
Dopo la polemica

Covid, da oggi gli anziani del ponente genovese possono prenotare il vaccino ad Arenzano

Dopo le lamentele dei sindaci della Valle Stura. Il presidente Toti: "Andare da Voltri a Rossiglione è comunque un problema secondario"

Genova. Un nuovo centro di somministrazione vaccini sarà aperto “nei prossimo giorni dalla Asl3” ad Arenzano all’interno dell’ospedale La Colletta per gli anziani che abitano nel ponente genovese e che da ieri, esauriti i posti disponibili all’Evangelico di Voltri e alla Fiumara, si sono ritrovati costretti a prenotare il vaccino a Rossiglione, unico centro con posti ancora disponibili. L’annuncio lo ha fatto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in una conferenza stampa organizzata per spiegare l’overbooking di prenotazioni di questa mattina.

Un viaggio non proprio comodo per un anziano tanto più vista la situazione delle autostrade liguri. E d’altra parte, gli abitanti della Valle Stura dopo che il Comune di Rossiglione aveva attrezzato l’area della Ferriera in funzione dei concittadini delle valli, si sono trovati con prenotazioni a fine maggio. Stamattina il sindaco di Rossiglione Katia Piccardo e il collega di Campo ligure hanno chiesto a gran voce un intervento da parte della Asl3 che si è attivata per aprire un punto vaccini ad Arenzano e rafforzare quello dell’Evangelico di Voltri. “Già da oggi – ha detto il presidente di Liguria digitale Enrico Castanini nel corso della conferenza stampa per fare il punto sui vaccini – sarà possibile prenotare anche ad Arenzano”.

Il presidente Toti tuttavia sottolinea come non sia un problema che un anziano debba recarsi, probabilmente accompagnato da un parente, dal ponente genovese a Rossiglione per il vaccino: “Non stiamo parlando di servizi quotidiani legati alla sanità di tutti i giorni – ha detto Toti – parliamo di una campagna vaccinale unica nella storia del mondo e francamente, per quanto sia difficile andare da Voltri a Rossiglione, lo ritengo un problema secondario”.

In pratica, ha spiegato il governatore, è successo che i primi slot ad andare esauriti siano stati quelli vicino a casa, quindi nel caso del ponente genovese l’Evangelico e siano rimasti solo quelli più lontani nelle valli dove è stato scelto di collocare centri vaccinali proprio per agevolare la popolazione locale: “Avremmo potuto fare solo due grandi spot in città e invece abbiamo scelto di essere più capillari possibili, è normale che le persone scelgano di andare dove c’è disponibilità” ha spiegato il presidente.

Replica a distanza da parte del sindaco di Rossiglione Katia Piccardo: “Ben venga ospitare anche i cittadini genovesi, ma è evidente persino a un bimbo che non fosse accettabile fossimo noi gli unici a farlo per ore ed ore – scrive il sindaco su Facebook – ci si attrezzi il prima possibile per dare alle Valli Stura Orba e Leira una seconda filiera dedicata, cioè riservata ai residenti. Come da noi chiesto a viva voce e garantitoci. Sia fatto immediatamente. Bene per l’avvio di Colletta. Bravo, collega Luigi Gambino, ma ora altrettanto sia realizzato sul capoluogo genovese, ma non tra due settimane ma adesso”

leggi anche
  • Cosa è successo
    Caos prenotazioni vaccino over 80, Toti: “Tutti lo riceveranno entro il 30 maggio, no all’assalto”
  • Appello
    Vaccino anti Covid, lettera aperta al presidente Toti: “Di questo passo finiremo nel 2023”