Quantcast

Genova. È stato l’architetto Renzo Piano alle 11.30 il primo dei dieci genovesi che hanno dato il via alla campagna di vaccinazione contro il coronavirus per le persone con più di 80 anni – esclusi quelli residenti nelle Rsa – nella casa della Salute di Quarto.

“È un messaggio che voglio lanciare ai miei coetanei – ha detto Piano, 84 anni, subito dopo il vaccino – Fate questo vaccino, è importante per voi ed è importante per gli altri. Mi ha fatto ricordare quando eravamo bambini, il vaccino era un dono prezioso che si aspettava con ansia. E ha funzionato, perché se sono qui a parlarne ha funzionato e ha protetto. Allora non c’era il Covid ma malattie terribili. Noi ci affidavamo con gioia alla scienza, torniamo a quell’innocenza perché è importante. E ditelo ai giovani: noi siamo gli anziani, i saggi e l’unica cosa che serve oggi è l’esempio. Fidiamoci perché la medicina è quella che ci ha salvato finora”.

In tutto tre donne e sette uomini hanno ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer inoculata da Roberto Rosselli, responsabile delle professioni del dipartimento di prevenzione in Asl 3, nell’ambito del silver vaccine day simbolico organizzato dalla Regione. I primi a ricevere il vaccino dopo Renzo Piano sono stati Silvana Fiorentini di 83 anni, Anna Maria Machiavello di 84 anni e Rosa Ardini di 84. La più giovane ha 80 anni, il più anziano 93.

Presente anche il presidente Giovanni Toti che ha sottolineato con una battuta: “Renzo, ora sei salvo”. Nell’ambulatorio anche il sindaco Marco Bucci e il direttore di Asl 3 Luigi Carlo Bottaro.

Le prime vaccinazioni simboliche, per anziani estratte a sorte, andranno avanti nei prossimi giorni. Dal 16 febbraio sarà possibile prenotare per gli over 90. Ecco come funzionerà il piano.

“Oggi è un giorno importantissimo per Asl3 – spiega Luigi Carlo Bottaro, Direttore Generale Asl3 – perché con l’avvio delle vaccinazioni destinate agli over80 compiamo un passo rilevante verso il contenimento della pandemia. La vaccinazione è tanto importante quanto l’organizzazione che la rende possibile. Infatti per questa fascia d’età oltre ad aver individuato sedi in ambito cittadino è stata messa a sistema un’organizzazione territoriale nelle aree interne in collaborazione con Federsanità-Anci, Medici di Medicina Generale e Pubbliche Assistenze per raggiungere capillarmente i cittadini coinvolti”.

A partire da martedì 16 febbraio partirà a regime la campagna vaccinale rivolta agli oltre 160mila liguri over 80, con diversi canali di prenotazione: il numero verde 800 938818 (attivo il 16 febbraio dalle 6 alle 20 e nei giorni successivi dalle 8 alle 18), il canale informatico prenotovaccino.regione.liguria.it, gli sportelli Cup e gli sportelli delle Asl e delle aziende ospedaliere e anche i medici di medicina generale e le farmacie, soprattutto in relazione alla somministrazione del vaccino Astrazeneca rivolto alla popolazione under 55 anni.

Al momento della prenotazione della prima dose di vaccino, verranno comunicati anche la data e l’orario per la somministrazione del richiamo, con la conferma della prenotazione che avverrà poi contestualmente alla somministrazione della prima dose.
Non dovranno prenotare la vaccinazione anti Covid gli over 80 che, dal momento di avvio della vaccinazione rivolta alla loro fascia di età, vengono dimessi dagli ospedali per patologie diverse dal Coronavirus o in possesso dei requisiti per la vaccinazione al domicilio (che saranno contattati direttamente dalla Asl di appartenenza) oppure gli over 80 residenti nei piccoli comuni per cui le Asl insieme ai sindaci organizzano giornate mirate di vaccinazione in loco.
Per garantire la massima efficacia ed efficienza del sistema con minimi tempi di attesa per i cittadini nei primi giorni di prenotazione e nell’ottica di privilegiare l’età dei destinatari della vaccinazione è previsto che:
• il 16 febbraio sia consentita la prenotazione per gli over 90
• il 17 febbraio sia consentita la prenotazione anche agli over 85
• dal 18 febbraio potranno prenotare tutti i cittadini con più di 80 anni

“Usciamo dagli ospedali e dalle Rsa, iniziamo a vaccinare sul territorio a partire dai soggetti più fragili, i nostri concittadini che hanno più di 80 anni e che sono le prime vittime di questa pandemia – ha ricordato il presidente Giovanni Toti -. Quasi il 50% dei letti dei nostri ospedali e quasi l’80% dei nostri concittadini deceduti hanno un’età superiore agli 80 anni: mettere in sicurezza questa fascia di persone non vuol dire solo salvare delle vite, ma ridurre la pressione sul sistema sanitario”.

“C’è da fare in fretta – prosegue il governatore – mi auguro che le forniture di vaccino arrivino: in questo caso, attraverso numerosi canali, riusciremo a vaccinare tutti i nostri concittadini con più di 80 anni entro i prossimi due mesi e mezzo. Nel frattempo, con i vaccini AstraZeneca copriremo le categorie lavorative più esposte al contagio, a partire lunedì dai frontalieri dell’imperiese. Incrociamo le dita e impegniamoci tutti”.

Toti non ha escluso di ricorrere al mercato per accelerare la campagna di vaccinazione: “Per il momento guardiamo con grande attenzione, ma non mi pare che sul mercato vi siano tutte queste possibilità. Le dosi del vaccino Pfizer, come Moderna di cui abbiamo più bisogno fino a quando arriverà il vaccino Johnson, sono perlopiù opzionate ed escludo con grande autostima di me stesso e della nostra regione, che Regione Liguria possa arrivare dove non arriva la Commissione europea. Dopodiché sono certo che se vi fosse l’opportunità la perseguiremo in ogni modo”.

leggi anche
  • Giravolta
    Omosessuali “a rischio” nel documento per il vaccino anti-Covid, ma sono le linee guida del ministero
  • Incontro
    Medusei e Bassetti: “Sì al vaccino russo Sputnik, ha un’efficacia superiore al 90%”
  • Come funziona
    Covid, Liguria tra le prime a partire col vaccino AstraZeneca: ecco a chi sarà somministrato
  • Non solo anziani
    Covid, quando potrà vaccinarsi chi ha meno di 55 anni? Ecco il piano per la Liguria
  • Silver vaccine day
    Covid, in Liguria il 12 febbraio via alle vaccinazioni per over 80: ecco come funzionerà
  • Le storie
    La barca, le vacanze, le uscite in serenità: ecco le speranze dei primi over 80 vaccinati