Calcio primavera

Con la Juventus è un punto con rimorsi per il Genoa primavera fotogallery risultati

Il Genoa va sopra due volte, due volte viene rimontato: per la primavera un punto a testa con la Juventus, tra gioie e rimpianti

Genova. Un punto con la Juventus per il Genoa primavera: la squadra di Chiappino ottiene un pareggio, subendo la rimonta dei bianconeri. Forse un’occasione sprecata, con un doppio recupero bianconero che ha riequilibrato l’incontro.

Chiappino ha schierato un Genoa con Tononi; Gjini, Boci, Serpe, Sadiku, Piccardo M., De Angelis, Cenci, Estrella, Besaggio, Kallon. La Juventus, allenata da Bonatti, ha risposto con Garofani; Leo, De Winter, Nzouango, Verduci; Miretti, Barrenechea, Turicchia; Soule; Sekulov, Bonetti. A dirigere la gara è stato Maggio di Lodi.

La gara era partita con un Genoa davvero brillante, capace di passare in vantaggio dopo soli sette minuti, grazie a un preciso destro di Besaggio, che dal limite trafigge Garofani, dopo aver recuperato un pallone lasciato vagante da De Winter. La Juventus prova subito a reagire e si fa pericolosa due minuti dopo con Bonetti, che però spara alto. Il pareggio arriva al 25′, con Miretti: bello il suo dribling, ma decisivo il suo sinistro sul secondo palo. I minuti successivi trascorrono con occasioni da entrambe le parti: Soule da parte bianconera e Besaggio per il Genoa mantengono accese attenzione e partita.

Il Genoa non si limita a contenere i bianconeri, ma prosegue gli affondi. Decisivo, tra i molti, quello di Kallon, che trova la porta da posizione defilata e trafigge Garofani, un po’ in ritardo sul posizionamento. Genoa allora ancora in vantaggio proprio in prossimità dell’intervallo.

La seconda frazione di gioco vive ovviamente su un diffuso possesso palla della Juventus, che cerca di rimontare e di ribaltare la gara. Sono molti gli affondi, che però raramente giungono davanti a Tononi. Nel Genoa, invece, si distingue bene Kallon, che riesce a essere in più di un’occasione una concreta minaccia per la difesa bianconera.

Al 23′ Sekulov inventa un cross che va vicino al gol, rimbalzando su traversa e palo. Sono le prove generali per il pari, che arriva due minuti dopo. Un bel tiro di Barrenechea è respinto da Tononi, ma De Graca si avventa sul pallone vagante e insacca. È il 2-2, meritato da una Juventus che, reagendo, ha quasi annullato il Genoa.

I rossoblù, però, si ridestano proprio nei passaggi successivi: nel quarto d’ora finale, infatti, sono proprio i ragazzi di Chiappino a farsi pericolosi, con Gjini e Kallon tra i più evidenti. Il risultato però non cambia e la posta finisce divisa tra le due squadre.

Bilancio difficile da tracciare per il Genoa: un punto con la Juventus pesa, ma il doppio vantaggio doppiamente rimontato lascia un certo amaro in bocca.