Idea

Agenzia delle Dogane e Msc Foundation insieme per donare alla Caritas il cibo delle crociere

Si tratta dei prodotto non utilizzati ma ancora consumabili

Genova. Grazie all’intervento solerte, prezioso e tempestivo dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM), che allo scoppio della pandemia da Covid-19 ha definito rapidamente una procedura operativa “ad hoc” per la gestione di tutte le merci vincolate al regime doganale di esportazione, destinate in origine all’utilizzo sulle navi da crociere, MSC Crociere è potuta tornare a disporre in tempi brevi, presso il proprio hub logistico di Bolzaneto (Genova), dei prodotti alimentari non utilizzati dalle navi. E in tal modo MSC Foundation – la fondazione del Gruppo MSC dedicata alle iniziative di corporate social responsibility – ha avuto la possibilità di donare, nel corso del 2020, quasi 1 milione di euro in generi alimentari a numerose associazioni benefiche italiane, di cui circa il 50% destinati alla Caritas genovese e all’Ospedale Gaslini.

Andrea Maria Zucchini, Direttore Interregionale per Liguria, Piemonte e Valle D’Aosta dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha sottolineato: “È un dovere dell’agenzia mettere in campo qualsiasi iniziativa volta a sostenere la collettività, in un periodo economicamente e socialmente critico come quello attuale. È un nostro orgoglio aver reso possibile tutto ciò, e in particolare aver supportato MSC nell’attuare, rapidamente, la redistribuzione di generi di prima necessità a migliaia di cittadini che versano, purtroppo, in stato di bisogno”.

“L’Ufficio ha contribuito con grande piacere a questa lodevolissima iniziativa di solidarietà, autorizzando la reintroduzione sul territorio dello Stato dei generi alimentari presenti a bordo delle navi MSC Splendida e Opera che, a causa del blocco delle crociere dovuto alla pandemia, rischiavano di deteriorarsi inutilmente a bordo delle navi. La donazione dei prodotti alimentari a enti caritativi ha consentito il recupero e la consegna dei beni in modalità gratuita”, ha aggiunto Maurizio Gallucci, Direttore delle Dogane di Genova 1, mentre Teresa Rosaria De Luca, Direttore delle Dogane di Genova 2, ha sottolineato: “L’Ufficio delle Dogane di Genova 2, a seguito di numerosi incontri con MSC, ha accentrato su di se l’onere di gestire le operazioni di annullamento delle dichiarazioni di esportazione effettuate in diversi uffici doganali (parliamo di circa 140 container reefer) allo scopo di velocizzare il rilascio delle autorizzazioni all’importazione in franchigia, senza il pagamento daziario per le merci destinate ad usi caritatevoli”.

Gigi Borgiani, direttore Fondazione Auxilium e vice direttore Caritas Diocesana di Genova, ha spiegato: “La pandemia ha acuito la povertà alimentare: ai 34 Centri di Ascolto della Diocesi di Genova nel 2020 si sono presentate oltre 1.700 nuove persone, di cui 600 con problemi economici dovuti al Covid 19. La richiesta di cibo è stata tra le prime e più urgenti. In questo quadro Caritas e Auxilium hanno avviato il servizio di Food Hub, vero e proprio snodo di distribuzione alimentare a Casa della Giovane, in Centro Storico, che da maggio ad ottobre ha collegato grandi donatori e i centri diocesani di distribuzione, raggiungendo migliaia di persone e famiglie”. “In particolare”, ha sottolineato Gianandrea Bianchi, responsabile del settore Politiche del Cibo di Caritas Genova, “il contributo maggiore è giunto dal Gruppo MSC che, tramite MSC F&B Division e MSC Foundation, ha donato oltre 9 tonnellate di cibo proveniente dalle navi ferme in porto e dai magazzini, trasformando quindi una criticità evidente in un importantissimo gesto di condivisione e attenzione: quanto donato ha raggiunto i più grandi enti di carità della Diocesi, per una stima di oltre 7.000 pasti. Uno speciale ringraziamento va anche all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, in particolare alla Direzione Interregionale Liguria Piemonte Valle D’Aosta e alla Direzione di Genova, che ha supportato con ogni celerità e sensibilità le procedure per rendere disponibili il prima possibile le donazioni del Gruppo MSC. Un grande risultato a beneficio della città di cui siamo molto grati”.

Giacomo Costa Ardissone, Presidente MSC F&B, ha dichiarato: “Ringrazio sentitamente i dirigenti e i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per la sensibilità dimostrata e per la decisiva collaborazione prestata, che hanno permesso alla MSC Foundation di svincolare in tempi rapidi i beni alimentari da destinare alle associazioni benefiche genovesi e nazionali. La responsabilità sociale rappresenta uno dei valori fondanti del Gruppo MSC – anche e soprattutto in quanto azienda famigliare –, che continua a promuovere iniziative di charity in tutto il mondo e, in particolare, a Genova e in Liguria, territorio in cui il Gruppo MSC opera ormai da 50 anni e ha il suo principale porto crocieristico a livello globale”. Paolo Raia, Managing Director MSC F&B, ha aggiunto: “Siamo orgogliosi di aver portato avanti un’iniziativa come questa, che in un momento di grande difficoltà per il Paese ha consentito comunque al nostro settore di dare un aiuto concreto alle persone più in difficoltà. Ringrazio l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli non solo per quanto ha fatto in questa circostanza eccezionale, ma anche e soprattutto per il supporto continuo fornito alle nostre attività. MSC F&B di Genova è considerata un centro di eccellenza per tutte le attività della supply chain, e in questo senso la collaborazione con l’Agenzia delle Dogane negli ultimi anni è stata determinante. I nostri programmi di crescita sono molto sfidanti e contiamo, pertanto, nel rafforzamento della nostra collaborazione. Ringrazio infine la Caritas, con la quale collaboriamo ormai da anni, che aiuta a trasformare buone idee in azioni concrete”.