Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Viadotto Bisagno, il vento fa volare le impalcature del cantiere. Autostrade: “Pronti a nuovi provvedimenti” fotogallery

I residenti documentano le assi di metallo divelte dai ponteggi: le reti "salvano" le abitazioni

Genova. Il forte vento di queste ore ha creato problemi in tutta la città, e in particolar modo in Val Bisagno, dove in questi giorni si sono verificati diverse situazioni difficili: tra queste anche le alcune criticità legate al cantiere che sta interessando da qualche settimana il viadotto che attraversa la vallata.

Alcuni pezzi di ponteggio sono stati infatti sconquassati dal vento, che li ha fatti letteralmente volare: le foto dell’articolo, scattate dai residenti delle Gavette, testimoniano come le assi di metallo siano state divelte e “raccolte” dalle reti di protezione che sono state installate sotto il cantiere per proteggere le case sottostanti.

Ma non solo: alcuni residenti hanno anche fotografato una di queste assi che potrebbe essere caduta a terra nella parte dove il ponte attraversa una zona boschiva. Contattata da Genova24, la direzione del Tronco di Genova di Autostrade per l’Italia ha chiarito che “I responsabili del cantiere hanno immediatamente eseguito un primo sopralluogo, verificando che dal ponteggio non manca alcun elemento e che tutti i componenti risultano correttamente ancorati“. Ma non solo: “Questa mattina è in corso un ulteriore sopralluogo per una verifica ancora più approfondita con l’impresa appaltatrice che sta montando la struttura, anche per verificare l’eventualità che il pezzo possa essere stato lasciato non ancorato sul ponteggio e quindi sia caduto a causa del forte vento. Nel caso, saranno assunti opportuni provvedimenti“.

Aspi assicura che: “In ogni caso e nelle more degli accertamenti, la Direzione di Tronco di Genova di Autostrade per l’Italia ha disposto in danno all’impresa appaltatrice di montare anche in questa zona boschiva le reti protettive previste sopra le zone abitate delle Gavette”.

I residenti, come abbiamo raccontato più volte in questi mesi, continuano la loro battaglia contro quello che loro reputano essere “una mancanza di sicurezza, per un nuovo episodio gravissimo che ancora una volta siamo costretti a raccontare. Non finisce qui“.